In tutta la provincia di Benevento, restano solo due persone ancora affette da coronavirus. Un dato che può permettere alla provincia sannita di sperare di uscire dall'incubo in cui è precipitata insieme al resto d'Italia da fine febbraio, e farlo per prima in tutta la Campania. Dei 209 casi finora registrati in tutto il Sannio (il più basso numero registrato tra le province campane), 190 persone sono ormai guarite: a queste, si aggiungono 17 decessi e le due persone ancora oggi positive: entrambe sono in isolamento domiciliare nelle loro abitazioni di Castelfranco in Miscano e Guardia Sanframondi.

Un dato insomma incoraggiante quello comunicato alle 12 di oggi dall'Azienda Sanitaria Locale di Benevento, nel consueto bollettino giornaliero. Il capoluogo sannita era diventato "CoViD-free" già da diversi giorni, con la guarigione dell'ultimo caso ancora registrato in città. Poi il conto alla rovescia per la provincia intera che, per diversi giorni, aveva fatto registrare solo un caso, quello di Guardia Sanframondi, al quale nel fine settimana si è aggiunto quello di Castelfranco in Miscano. Situazione insomma totalmente sotto controllo, e obiettivo finale sempre più vicino. Intanto, il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha lanciato un appello ai suoi concittadini: venerdì sera, il Benevento Calcio sarà impegnato in trasferta ad Empoli ma in caso di successo festeggerebbe il ritorno in Serie A. La paura è che in piazza si scateni la festa dei tifosi, come già visto a Napoli in occasione della Coppa Italia, facendo saltare tutte le misure di sicurezza. Da qui, l'appello di Mastella ai tifosi a festeggiare nel caso con commisurazione l'evento, senza far correre rischi eccessivi alla città ed alla provincia sannita, finora "isola felice" in Campania per il basso numero di contagi che adesso è anche prossimo allo zero.