San Gennaro "perfetto come santo protettore degli sbarchi". È quanto ha spiegato lo scrittore napoletano Roberto Saviano a Fanpage.it, dove ha raccontato la festa del santo patrono di Napoli per eccellenza vissuta dagli italo-americani a New York, negli Stati Uniti. Nel giorno del celebre miracolo dello scioglimento del sangue, Saviano paragona quest'ultimo al sangue "di una nazione che si perde, che ne fa di diritto il protettore degli emigranti".

Roberto Saviano, ha raccontato attraverso le telecamere di Fanpage.it la festa di San Gennaro a New York, dove vive una folta comunità italo-americana, gran parte della quale proveniente dal Meridione d'Italia e dalla stessa Napoli, tanto da portare già ad inizio Novecento la celebre festa patronale anche nel Nuovo Mondo. "Era la festa più importante a New York già in quel periodo", ha raccontato a Fanpage.it Saviano, che ha poi ricordato come gli emigranti italiani fossero "trattati come bestie" e che non fossero considerati bianchi. "Tutt'oggi è così, l'italiano arriva a New York credendo di essere bianco, e invece è considerato non "white" (bianco), ma "no black" (non nero)", ha spiegato ancora lo scrittore napoletano. Emigranti italiani che arrivavano nel Nuovo Mondo su navi "che erano vere e proprie baracche viaggiante", sulle quali spesso si registravano diversi morti, tra cui molti bambini. E dove chi non riusciva ad entrare negli Stati uniti "si lanciava in mare dalla nave, perché non sopportava l'umiliazione del rientro in Italia", trovando così spesso la morte nelle acque dell'Atlantico.

Dalla Mussolini a Cantalemessa, le critiche verso Saviano

Non sono mancate le repliche da parte di autorità politiche nei confronti di Roberto Saviano. Subito dopo la pubblicazione del video di Fanpage.it, infatti, sono intervenuti duramente nei confronti dello scrittore partenopeo, e soprattutto dell'accostamento tra San Gennaro e gli sbarchi, due politici napoletani: Alessandra Mussolini e Gianluca Cantalamessa. La prima, discendente diretta di Benito Mussolini (di cui è la nipote da parte di padre: Romano era il quarto figlio avuto da Mussolini, sposatosi con Maria Scicolone, a sua volta sorella minore dell'attrice Sophia Loren), ha spiegato Alessandra Mussolini ad Adnkronos: "Lasciasse stare i santi. Con San Gennaro, Saviano ha proprio strafatto, è andato oltre. Forse ora che non ha più Salvini come bersaglio", ha aggiunto, "lo sta sostituendo così. Deve stare attento, San Gennaro è molto amato, rischia di essere linciato se va a Napoli". Anche Gianluca Cantalamessa, deputato e presidente regionale della Lega in Campania, ha spiegato sempre all'Adnkronos che il paragone di San Gennaro come protettore degli sbarchi "è una follia che non sta né in cielo né in terra. Una caduta di stile", ha aggiunto ancora Cantalamessa, "offensiva per tutte le persone che credono in Dio e, nello specifico, per i napoletani".