Ci sono due indagati per omicidio colposo per la morte di Salvatore Caliano, il 21enne morto sul lavoro mentre puliva il lucernario di un vano ascensore di una palazzina in via Duomo, nel centro di Napoli mercoledì 11 luglio. Lo apprende Fanpage.it da fonti investigative. Un "lavoretto" come tanti, ovviamente a nero e figurarsi se con le misure di sicurezze adeguate, pagato trentacinque euro. Così la caduta nel vuoto per 10 metri è stata fatale al ragazzo, che ha perso la vita in quello doveva essere solo uno dei tanti modi per sbarcare il lunario, qualche soldo in più da mettere insieme al magro stipendio guadagnato in um bar a poche decine di metri dall'edificio dove è morto.

Sabato i funerali di Salvatore Caliano

Appassionato calciatore, mentre sognava di portare una maglia importante, faceva tutto quello che gli capitava per riuscire a essere indipendente e a condurre una vita senza sacrifici. Sull'incidente è stato aperto un fascicolo per fare chiarezza, e la posizione di due persone sarà verificata dagli inquirenti. Sul corpo è stata disposta l'autopsia, mentre i funerali sono stati programmati sabato 14 luglio alle 16. Intanto è partita la gara di solidarietà tra cittadini e commercianti della zona, che hanno fatto una colletta per aiutare la famiglia del ragazzo.