3.309 CONDIVISIONI
Opinioni
6000 sardine
11 Febbraio 2020
19:50

Le Sardine e la proposta Erasmus: vogliono fare come Benvenuti al Sud. Che gran fesseria

Le Sardine incontrano il ministro del Sud e propongono una specie di Erasmus fra Settentrione e Meridione d’Italia. Una proposta che sembra solo uno spot e assomiglia più ad un pessimo remake di Benvenuti al Sud che ad una proposta politica.
A cura di Ciro Pellegrino
3.309 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
6000 sardine

Come una brutta canzone indie o le conclusioni di convegno progressista tenuto un immobile industriale riconvertito, l'incontro tra i "rappresentanti" del movimento delle 6000 sardine con il ministro del Sud Peppe Provenzano produce risultati positivi in parte, in parte agghiaccianti. Di quest'ultimo aspetto occorre occuparsi subito, a costo di farsi urlare "ok boomer": che nessuno dica in futuro «gli avete lasciato fare o dire tutto». La frase del frontman delle Sardine, Mattia Santori, è la seguente, virgolettata, pronunciata sorridente davanti alle telecamere con maglioncino beige e zainetto in spalla: «Tra le nostre proposte, per cambiare il paradigma, perché non ripristinare fin dall'Università una sorta di Erasmus tra regioni del sud e del nord? Perché un napoletano non può farsi sei mesi al Politecnico di Torino e un torinese sei mesi a Napoli o a Palermo per studiare archeologia, arte, cultura o diritto?». Massimo Troisi è morto e ci manca la battuta epigrafica, sarcastica e amara.  Dunque parliamo dei vivi: siamo nel 2020 e quest'anno il film Benvenuti al Sud compirà dieci anni. Qualcuno nelle Sardine ha pensato forse di riproporlo al governo Conte? Prendiamo tanti Claudio Bisio di Milano e tanti Alessandro Siani di Napoli e gli scambiamo il posto? Uno studente di Bergamo scriverà la lettera al giornale partenopeo: «Oh, cara Napoli, pensavo fossi piena di mariuoli e camorristi e invece ho scoperto che ci sono anche normali e onesti». E viceversa il partenopeo che vive a Torino tornando all'ombra del Vesuvio dirà alla famiglia gustando finalmente una mulignana a fungetielli: «'O ssapite? ‘E torinesi mica so' tutti juventini…!».

Forse quella che la star delle Sardine definisce «connessione sia tra politica e cittadinanza che tra diverse aree del Paese» (roba che manco i leopoldini di Matteo Renzi…)  dovrebbe essere declinata diversamente. Qualcuno dovrebbe spiegare alla Sardina di Bologna che la vera possibilità tra Nord e Sud l'ha creata l'Alta Velocità ferroviaria tra Milano e Napoli ma solo in un verso. Pure perché che scendendo oltre Napoli col cazzo che riesci a viaggiare decentemente. Occorrerebbe, ancora, prendere le tabelle con le differenze tra le retribuzioni medie Nord-Sud: fanno capire chiaramente perché una persona, dopo aver studiato dieci, quindici anni, decide di "salire". Mica per curiosità.

Insomma: l'Italia è uno stivaletto, non siam mica gli Stati Uniti d'America. Gli studenti universitari viaggiano, eccome: il blocco non va superato negli Atenei.  Va aggrediro dove nasce: nella povertà, nella mancanza di meritocrazia (a cominciare dai baronati universitari, uguali al Nord come al Sud isole comprese) di concorsi degni di questo nome, di opportunità per i non sponsorizzati da politica e potentati di vario tipo. Si spera che il siciliano Provenzano parlando di «protagonismo della cittadinanza» abbia spiegato ai nostri prodi la necessità di appianare differenze, più che sancirle, tra Nord e Sud. Un biglietto del Frecciarossa non cambia nulla. E non bastano i sorrisi da telecamera né le proposte-spot.

3.309 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
90 contenuti su questa storia
Due sardine identificate dalla Digos per aver esposto un cartello contro Salvini
Due sardine identificate dalla Digos per aver esposto un cartello contro Salvini
Sardine a Napoli, dopo il flop il movimento si spacca. Martirani: 'Cacciato da Santori'
Sardine a Napoli, dopo il flop il movimento si spacca. Martirani: 'Cacciato da Santori'
Napoli, anti Salvini in piazza. Tensione tra centri sociali e polizia. Flop clamoroso delle Sardine
Napoli, anti Salvini in piazza. Tensione tra centri sociali e polizia. Flop clamoroso delle Sardine
12.357 di AntonioMusella
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni