Le aule versano in pessime condizioni: nella giornata di ieri, a causa di infiltrazioni d'acqua, un blackout ha impedito il regolare svolgimento delle lezioni. E allora ecco che, questa mattina, decine e decine di mamme si sono date appuntamento all'esterno della scuola elementare Nazario Sauro, a Secondigliano, periferia settentrionale di Napoli, per protestare contro le condizioni precarie in cui versa l'istituto e per chiedere più salvaguardia per la salute dei loro figli. L'assembramento della mamme è stato così numeroso che, questa mattina, sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno invitato i genitori alla calma in attesa dei vigili del fuoco, che sono poi arrivati sul posto per effettuare le verifiche del caso sulla condizione delle aule.

Una protesta dei genitori, nei giorni scorsi, era andata in scena anche a Fuorigrotta, periferia occidentale del capoluogo campano. Padri e madri degli studenti dell'Istituto Comprensivo Minniti, 91esimo Circolo Didattico, sono preoccupati per la possibile presenza nella scuola di ossiuri. Si tratta di piccoli vermi, che possono annidarsi nell'intestino dei bambini e provocare parassitosi denominata ossiuriasi: una malattia non contagiosa, nemmeno grave, ma molto fastidiosa. Possibile presenza di ossiuri era stata segnalata anche dai genitori degli studenti dell'Istituto Neghelli-Gigante di Cavalleggeri, sempre nella periferia occidentale della città.