363 CONDIVISIONI
16 Maggio 2015
13:36

Strage di Secondigliano, Giulio Murolo in casa aveva fucili, kalashnikov e machete

L’infermiere pluriomicida aveva in casa una impressionante quantità di proiettili (seimila) e e numerose armi d’assalto alcune delle quali detenute illegalmente. Contestati i reati di omicidio e strage.
A cura di Redazione Napoli
363 CONDIVISIONI

 Una vera e propria santabarbara, un arsenale del terrore: è questo ciò che le forze dell'ordine hanno trovato in casa di Giulio Murolo, l'assassino di Secondigliano, che ieri ha ammazzato quattro persone dopo una banale lite. Il rinvenimento di numerose armi era stato anticipato ieri a Fanpage.it da Cristiano Tatarelli, primo Dirigente del Commissariato di Polizia di Stato a Scampia, in prima linea sul luogo della tragedia insieme ai suoi colleghi. Oltre a fucili e pistole che l'infemiere 48enne del Cardarelli aveva in casa, detenute legalmente, i poliziotti hanno trovato anche un fucile mitragliatore Kalashnikov Ak47, con matricola abrasa – quindi acquistato illegalmente – oltre 6mila proiettili e due machete, letali arme da taglio utilizzate per sgozzare le persone nei conflitti tribali. Il fucile mitragliatore e i machete erano nella camera da letto. Inoltre i poliziotti hanno rinvenute anche diverse scatole di munizioni di vario calibro. Il pluriomicida di via Detta Napoli a Capodimonte, per la legge incensurato, ora dovrà rispondere anche di detenzione illegale di arma e ricettazione. Ieri subito dopo l'arresto è stato posto sotto interrogatorio per ora nulla trapela.

Murolo, contestati i reati di omicidio e strage

Duplice omicidio per l'uccisione del fratello, Luigi, e della cognata, Concetta Uiliano, e strage per la morte di Luigi Cantone e Francesco Bruner e per il ferimento di altre sei persone: sono i reati contestati a Giulio Murolo, 48 anni, responsabile della strage di ieri a Napoli. A Murolo sono contestati, in oltre i reati di spari in luogo pubblico e resistenza a pubblico ufficiale. Ieri per bloccare la furia omicida di Murolo ieri le forze dell'ordine hanno sparato almeno 10 colpi d'arma da fuoco all'indirizzo dell'uomo. Che dal balcone della propria abitazione ha aperto il fuoco contro i passanti uccidendo anche il vigile e un passante.

 
363 CONDIVISIONI
Medaglia al valore per Bruner e Cinque, i vigili morti nella Strage di Secondigliano per difendere i passanti
Medaglia al valore per Bruner e Cinque, i vigili morti nella Strage di Secondigliano per difendere i passanti
"Dovete visitare prima me", e prova a sfondare una porta urlando contro altri pazienti
Dal garage l'incendio si propaga in tutta la casa, anziana si rifugia sul balcone: salvata dai pompieri
Dal garage l'incendio si propaga in tutta la casa, anziana si rifugia sul balcone: salvata dai pompieri
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni