Fa un passo in avanti decisivo l'inchiesta per appurare le responsabilità su un fatto terribile accaduto lo scorso maggio sugli scogli di Marechiaro, a Posillipo, quartiere-bene di Napoli: la violenza sessuale denunciata da una ragazzina di 16 anni, abuso che sarebbe stato perpetrato da tre minorenni. I ragazzini fermati la scorsa settimana dopo una lunga attività di indagine che si è avvalsa anche del monitoraggio continuo e costante dei loro profili social a quanto apprende Fanpage.it hanno ammesso le loro responsabilità. Sono attualmente soggetti a ordinanza di custodia e sono all'interno di strutture minorili. L'accusa – pesantissima  – è  violenza sessuale di gruppo.

Ora gli inquirenti sono orientati a indagare ulteriormente per capire qual è il quadro di riferimento che ha portato alla violenza ovvero l'eventuale presenza di altri individui. I militari hanno già ricostruito quanto accaduto sul cosiddetto "scoglione di Marechiaro", una località molto frequentata dai giovanissimi già a partire dalla tarda primavera e all'inizio dell'estate. Nel corso dell'inchiesta sarebbero stati acquisiti dai carabinieri importanti riscontri alle accuse nei confronti dei tre minorenni, nonché ricostruito il ruolo di ciascuno di loro nella vicenda.