Svolta nella caccia all'uomo che ha impegnato, da questa mattina, i carabinieri di Parete, nella provincia di Caserta: i militari dell'Arma hanno rintracciato e fermato il 40enne fortemente indiziato di aver ucciso entrambi i genitori, tagliandogli la gola. L'uomo, subito dopo il duplice omicidio, si è dato alla fuga: i carabinieri lo hanno rintracciato poco fa in via Santa Maria a Cubito in direzione di Cancello Arnone, sempre nel Casertano. L'uomo, che non è ancora formalmente in stato di fermo, si sta sottoponendo adesso all'interrogatorio del magistrato. Durante le sue ricerche, a circa un chilometro dal luogo dell'omicidio, i militari avevano ritrovato un coltello sporco di sangue che potrebbe essere l'arma del delitto.

Il duplice omicidio.

Le vittime sono i coniugi Francesco Afratellanza, 82 anni e Antonietta Della Gatta, 79. Quando le forze dell'ordine giungono nella loro abitazione in via Scipione l'Africano, i loro corpi sono in una pozza di sangue, con varie ferite di arma da taglio alla gola. Il cerchio si stringe da subito intorno al figlio delle vittime, un 40enne che proprio poco tempo fa era stato sottoposto a tso (trattamento sanitario obbligatorio) e che da anni era in cura all'Asl locale per problemi psichici.