Una scossa di terremoto alle prime ore del mattino, altre tre nella notte, a distanza di pochi minuti l'una dall'altra. Sono state avvertite nel Beneventano nella notte appena trascorsa, non si registrano danni o feriti. L'epicentro è nel comune di Ceppaloni, che si trova a circa 9 chilometri di distanza da Benevento. La prima scossa c'è stata alle 00.24 del 25 novembre, di magnitudo 2.2. Poco meno di venti minuti dopo, alle 00.42, quella più forte e di conseguenza maggiormente avvertita dalla popolazione: magnitudo 2.9 sulla scala Richter. Poco dopo l'Ingv ha registrato una terza scossa, avvenuta sempre nei pressi di Ceppaloni, alle 1.01, con magnitudo 1.9 e a una profondità di 12 chilometri. In mattinata, alle 7.54, la quarta scossa, di magnitudo 2.7 sulla scala Richter, con epicentro a 3 chilometri da Ceppaloni, a una profondità stimata di 11 chilometri.

Le due scosse più forti sono state avvertite distintamente dai residenti, anche da chi abita ai piani inferiori degli edifici. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica (Ingv) le due scosse sono avvenute a una profondità di circa 10 chilometri, con epicentro tra Ceppaloni e il vicinissimo comune di San Leucio del Sannio.

In quella zona la terra aveva tremato già pochi giorni fa: due scosse, entrambe di bassa intensità, di magnitudo 1.9 e 1.5 sono state registrate alle 23.26 del 24 novembre e alle 14.07 del 22 novembre, una terza era stata registrata il 21 novembre alle 22.49, tutte con epicentro nei pressi di San Leucio del Sannio; avvertita chiaramente dalla popolazione, invece, quella del 21 novembre alle 19.38, con magnitudo 2.3 ed epicentro a Ceppaloni. Anche in questi casi non ci sono stati fortunatamente feriti e non sono stati registrati danni a cose o a edifici.