Preoccupa lo sciame sismico che ha interessato questa mattina Benevento e il Sannio: cinque le scosse di magnitudo superiore a 3 della scala Richter che, dalle 9 alle 11.30 hanno fatto tremare la terra sannita. Il sindaco di Benevento Clemente Mastella, durante una conferenza stampa conseguente agli eventi sismici, ha pero invitato alla calma. Il primo cittadino sannita ha riferito di aver avvertito lui stesso la prima scossa e di essersi subito attivato per porre in essere tutte le misure di sicurezza che la situazione richiedeva. Mastella ha invitato anche tutti gli enti preposti a controllare la sicurezza degli edifici pubblici, come ad esempio le scuole, e a rilevare eventuali danni strutturali riportati dagli edifici: in molte zone del Sannio, i tecnici sono già al lavoro.

Un vero e proprio sciame sismico quello che ha colpito il Sannio: cinque scosse abbastanza rilevanti come intensità si sono susseguite; l'epicentro sempre a San Giorgio del Sannio. La terra ha cominciato a tremare alle ore 9.06 di questa mattina: una scossa di magnitudo 3.4 della scala Richter. Due minuti più tardi, alle 9.08, un'altra scossa, questa volta di magnitudo 3.2. La situazione sembrava essersi placata ma, dopo circa un'ora, altre due scosse in rapidissima successione: alle 9.52 e alle 9.53, rispettivamente di magnitudo 3 e 3.4. La quinta, la più forte, alle ore 11.36: una scossa di magnitudo 3.8 della scala Richter. Tutti e cinque gli eventi sismici sono stati distintamente avvertiti dalla popolazione, non solo per la rilevante intensità, ma anche per l'esigua profondità dei fenomeni; scosse avvertite non solo nel Sannio, ma anche in Irpinia e nel Napoletano.