Trema ancora la terra: una nuova scossa di terremoto, di magnitudo 2.2, è stata registrata a Francolise, nella provincia di Caserta. Secondo quanto riporta l'Ingv, il sisma si è verificato a 3 chilometri a ovest della cittadina del Casertano e a 4 chilometri di profondità: per questo è stato distintamente avvertito dalla popolazione, ma fortunatamente, da quanto si apprende, non ha causato feriti né danni strutturali agli edifici.

Ancora momenti di paura, dunque, per i cittadini del Casertano che ieri, 7 novembre, insieme a quelli residenti nelle cittadine della provincia di Napoli site al confine, hanno distintamente avvertito la scossa di magnitudo 4.4 che si è verificata ieri a Balsorano, provincia de L'Aquila, al confine tra Abruzzo e Lazio: la scossa, infatti, è stata avvertita anche a Roma. In Campania, come detto, il sisma è stato avvertito nettamente nelle cittadine della provincia di Caserta al confine con il Molise, come San Potito Sannitico, mentre più lieve è stata la scossa percepita, ad esempio, a Santa Maria Capua Vetere, oppure nelle cittadine della provincia di Napoli a ridosso del Casertano.