Opinioni
31 Luglio 2018
17:36

Trasfusione con sangue infetto: donna risarcita con 180mila euro dopo 44 anni

Una donna napoletana sarà risarcita con 180mila euro dal Ministero della Salute. Nel 1974, ben 44 anni fa, la donna contrasse l’epatite a causa di una trasfusione con sangue infetto che le fu praticata durante il parto cesareo all’ospedale San Paolo a Fuorigrotta, periferia occidentale di Napoli.
A cura di Valerio Papadia

Ci sono voluti ben 44 anni affinché una donna napoletana si vedesse risarcita per una malattia contratta in ospedale a causa di una trasfusione con del sangue infetto. La Corte d'Appello di Napoli ha rigettato il ricorso e ha condannato il Ministero della Salute a corrispondere alla donna 180mila euro di risarcimento. Era il 1974 quando la donna, all'ospedale San Paolo di Fuorigrotta, quartiere della periferia occidentale del capoluogo campano, contrasse una epatite virale di tipo C dopo una trasfusione di sangue infetto resasi necessaria durante il parto cesareo. Soltanto nel 2009 però la donna ha dato mandato a un legale di agire contro il Ministero della Salute. La consulenza tecnica riconobbe la correlazione tra la trasfusione e la malattia e riconobbe un danno biologico pari al 30 percento.

Nel 2014, poi, la IV Sezione Civile del Tribunale di Napoli condannò il Ministero della Salute al risarcimento di 160mila euro più interessi per non aver vigilato adeguatamente sulle sacche di sangue. Dopo qualche mese però il Ministero chiese l'integrale riforma della sentenza di primo grado. Sentenza che adesso, nel 2018, la Corte d'Appello partenopea ha rigettato, condannando tra le altre cose il Ministero e l'Asl a pagare, oltre al risarcimento, anche le spese del grado di giudizio.

Sono giornalista dal 2010. A Fanpage.it dall'agosto del 2016, scrivo per l'area Napoli, per la quale mi occupo del desk.
In 3 su scooter rubato scippano una donna: arrestati dopo spericolato inseguimento a Napoli
In 3 su scooter rubato scippano una donna: arrestati dopo spericolato inseguimento a Napoli
In Campania dopo anni è di nuovo guerra contro un impianto dei rifiuti: quello per ecoballe a Giugliano
In Campania dopo anni è di nuovo guerra contro un impianto dei rifiuti: quello per ecoballe a Giugliano
Incidente nel Napoletano: Vincenzo Cipolletta muore a 31 anni dopo una settimana in ospedale
Incidente nel Napoletano: Vincenzo Cipolletta muore a 31 anni dopo una settimana in ospedale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni