È passato un mese esatto dalla morte del piccolo Giuseppe Dorice, il bambino di soli 7 anni massacrato di botte da Tony Essobti, il compagno della madre, a Cardito, nella provincia partenopea, appunto lo scorso 27 gennaio. E allora ecco che per ricordare il bambino, oggi a Pompei, dove si sono svolti anche i funerali, si svolgerà una fiaccolata in suo onore. Alle ore 18, nella chiesa di San Giuseppe si svolgerà una messa in occasione del trigesimo: poi la fiaccolata prenderà le mosse proprio dalla chiesa e culminerà alla rotonda di via Aldo Moro, dove al piccolo Giuseppe sarà intitolato un albero, un ulivo per l'esattezza.

Giuseppe muore, come detto, lo scorso 27 gennaio. In quella casa di Cardito dove la madre si è trasferita da pochi giorni, insieme ai suoi tre bambini, per seguire Tony Essobti, suo compagno da qualche mese, il bimbo di soli 7 anni diventa il bersaglio della furia del 24enne: Tony si scaglia su Giuseppe e sulla sorella di 8 anni; risparmiata, invece, la sorellina di 4 anni. Giuseppe, purtroppo, muore sotto i colpi del 24enne; la sorella di 8 anni, ricoverata in condizioni critiche all'ospedale Santobono di Napoli, si è per fortuna salvata. Adesso lei e la sorellina si ritrovano senza famiglia, visto che ai genitori è stata tolta la potestà.