Una fiaccolata per ricordare Guglielmo Celestino, il giovane morto la scorsa settimana in via Aniello Falcone, in circostanze ancora da tutte da chiarire. La fiaccolata si è tenuta nella serata di ieri, subito dopo i funerali che si sono tenuti nella chiesa dei Pallottini di Napoli. Iniziativa promossa dal Comitato Vivibilità Cittadina, presieduto da Gennaro Esposito, il quale ha anche dichiarato che "come genitori, siamo tutti vicini alla famiglia di Guglielmo", sottolineando anche anche "siamo tutti increduli per ciò che è accaduto". Tantissime le persone che hanno partecipato alla fiaccolata, oltre ad amici e parenti del giovane scomparso lo scorso otto febbraio e che sembra aver lasciato una ferita aperta nel cuore di tutti i cittadini del posto. La vicenda della morte del giovane, infatti, a distanza di una settimana resta ancora un mistero: di sicuro, c'è solo che sia precipitato da un vialetto della strada.

I primi esami sul corpo, ritrovato solo il giorno dopo la caduta, avrebbero dimostrato che il giovane non avesse assunto né alcol né sostanze stupefacenti. Nelle ore precedenti alla caduta, aveva trascorso la serata con i primi amici: poi, il mistero. Ieri si sono tenuti i funerali di Guglielmo Costantino, scanditi da dolore e rabbia: amici e parenti avevano liberato palloncini bianchi all'uscita del feretro, mentre i più restano ancora increduli sulla vicenda. Nessuna ipotesi è ancora esclusa, ma tutto sembra puntare per la tragica fatalità. Maggiore chiarezza potrebbe arrivare nei prossimi giorni, quando gli inquirenti potrebbero mettere la parola "fine" a questa vicenda conclusasi con la morte di un giovane che il prossimo 28 febbraio avrebbe compiuto vent'anni.