Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un insolito viavai, troppe persone che andavano e venivano da un parco privato che sorge a Varcaturo, frazione del Comune di Giugliano in Campania, nella provincia di Napoli: così i carabinieri si sono insospettiti e hanno scoperto che una delle abitazioni del parco era stata trasformata in una casa di appuntamenti. Nell'appartamento a luci rosse, infatti, tre donne – due italiane e una straniera – adescavano uomini facendosi pubblicità tramite annunci pubblicati sul web, offrendo prestazioni sessuali in cambio di denaro. I militari dell'Arma hanno individuato la "titolare" dell'attività illecita – una donna di 61 anni di origine argentina – e i due proprietari dell'appartamento, che glielo avevano dato in affitto: tutte e tre le persone sono state denunciate alla competente Autorità Giudiziaria per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, mentre l'appartamento – insieme a tutto quello che c'era al suo interno – è stato posto sotto sequestro.

Qualche settimana fa, ad Ercolano, ancora nella provincia di Napoli, le forze dell'ordine hanno invece scoperto un centro massaggi nel quale alcune escort offrivano prestazioni sessuali ai clienti. Analogamente a quanto racconta Fabrizio De Andrè in una della sue canzoni più celebri, "Bocca di rosa", sono state le moglie dei clienti del centro massaggi, insospettite dall'improvviso interesse per i loro mariti verso quel particolare centro massaggi, ad allertare le forze dell'ordine, che hanno scoperto il giro di prostituzione. Il gestore del centro olistico, un uomo di 41 anni, è stato così denunciato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.