Rischio Vesuvio. L'assessore alla Protezione civile della Regione Campania Edoardo Cosenza ha inviato una lettera ai Comuni dell'area rossa per il rischio vulcanico, per sollecitarli ad avviare immediatamente una campagna di comunicazione con i cittadini per fornire loro informazioni utili e chiare rispetto al rischio vulcanico e ai comportamenti da assumere, in attesa della stesura dei piani comunali di protezione civile, già finanziati dalla Regione Campania. A ricevere le istruzioni dell'assessore,  – che proprio ieri ha definito il piano regionale di evacuazione in caso di rischio "attuabile in tre giorni" –  sono stati i primi cittadini dei comuni inclusi nell'area esposta al rischio vulcanico,  così come approvata dalla direttiva del presidente del Consiglio dei Ministri, ovvero Boscoreale, Boscotrecase, Cercola, Ercolano, Massa di Somma, Napoli, Nola, Ottaviano, Palma Campania, Poggiomarino, Pollena Trocchia, Pomigliano d'Arco, Pompei, Portici, San Gennaro Vesuviano, San Giorgio a Cremano, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant'Anastasia, Scafati, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre Annunziata, Torre Del Greco, Trecase.

La lettera

"Innanzitutto – inizia Cosenza – ciascuna amministrazione locale dovrà comunicare la Regione gemellata, ossia il territorio che accoglierà gli abitanti del proprio Comune; poi dovrà spiegare ai cittadini quali e quanti sono i livelli di allerta, che dipendono dall'attività del Vesuvio. Oggi siamo al livello base, il verde. Ve ne sono altri tre: il livello di attenzione, giallo, che viene deciso dal capo della Protezione civile; il livello di preallarme, arancione, che viene decretato dal presidente del Consiglio dei Ministri e fa scattare l'emergenza nazionale; il livello di allarme, rosso, che viene decretato dal presidente del Consiglio e fa scattare l'evacuazione obbligatoria della popolazione". "Dopo l'ammissione a finanziamento sul fondo Por-Fesr della Regione Campania avvenuta in questi giorni con la vostra firma – scrive Cosenza ai sindaci – si può procedere con l'aggiornamento dei piani di emergenza. Poiché non vi è stata richiesta di finanziamento di piani intercomunali, riteniamo che la Regione debba comunque garantire una funzione di coordinamento per la parte relativa al ‘rischio vulcanico' dei piani". "I piani andranno redatti in base anche alle Linee Guida approvate dalla Giunta Regionale con delibera numero 146 del 27 maggio 2013, pubblicata sul BURC n. 29 del 03 giugno 2013, ma è evidente la necessità di coordinamento specie per le vie di fuga e per le ‘aree di incontro'. Sono in fase di approvazione le ‘indicazioni per l'aggiornamento delle pianificazioni di emergenza per la zona rossa' che, in particolare, devono essere ancora approvate dalla Conferenza Unificata e necessitano poi di un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Nel frattempo riteniamo però molto importante che si diano prime indicazioni ai cittadini, nella forma che ritenete".

A corredo della missiva sono state allegate alcune direttive per la corretta informazione dei cittadini. Le prime informazioni da dare, in particolare, sono quelle sulla destinazione finale degli abitanti dei singoli comuni, indicando la Regione gemellata e sulle tre diverse modalità di evacuazione previste, a seconda che i cittadini abbiano a disposizione un mezzo e una sistemazione di cui usufruire.