Flop del Comune sulle potature degli alberi al Vomero e all'Arenella. La V Municipalità, roccaforte degli arancioni di “Dema”, volta le spalle a Palazzo San Giacomo e chiede al presidente della Regione Vincenzo De Luca di intervenire al posto del Comune. “Sono rimaste lettera morta – scrivono il presidente del parlamentino di via Morghen, Paolo De Luca e il suo vice Antonio Iozzi nella lettera al Governatore della Campania e all'assessore regionale Antonio Marchiello – le nostre richieste di interventi urgenti agli assessori comunali di Napoli, prima Maria D'Ambrosio, poi Ciro Borriello e infine Luigi Felaco, per manutenere il verde su alcune strade importanti, a tutela della pubblica e privata incolumità. Ora intervenga la Regione”.

Gli ex fedelissimi Dema sfiduciano il Comune

Dalla giunta municipale targata Dema, insomma, una bocciatura senza appello per gli ultimi 3 anni di amministrazione comunale del Verde pubblico. Un duro smacco anche per il sindaco Luigi de Magistris, originario del Vomero, da parte dei suoi ex fedelissimi. “A prescindere dalla buona volontà dei vertici della Municipalità – commenta Diego Venanzoni, consigliere comunale Pd – siamo in presenza di una vera e propria resa. Chiedere aiuto alla Regione è certificare la totale inadeguatezza degli assessori comunali al ramo. Si chiede una sorta di commissariamento che avrà senza dubbio i suoi effetti elettorali sul popolo arancione. Assieme alle associazioni ambientaliste, siamo stati tra i primi a denunciare la capitozzatura degli alberi a Posillipo come nel resto della città, ormai sempre più privata del verde”.

Ecco le strade a rischio del Vomero-Arenella

Ma quali sono le strade a rischio della V Municipalità finite nella bufera? Eccole: “Via Domenico Fontana, via Raffaele Morghen, via Domenico Cimarosa, via Andrea Vaccaro, via Mattia Preti, via Vincenzo Gemito, via Saverio Altamura, via Francesco De Mura, via Luca Giordano, via Enrico Alvino, via Giovanni Merliani”. “Più volte – scrivono il presidente Paolo De Luca e il vice Antonio Iozzi – abbiamo chiesto agli Assessori al Verde del Comune di Napoli, prima Maria D'Ambrosio, poi Ciro Borriello e infine Luigi Felaco, di conoscere la programmazione degli interventi di potatura di alberature di alto fusto previsti per il territorio della Municipalità V e di provvedere alla potatura delle alberature di alto fusto” in queste strade. “La mancata potatura o comunque la totale assenza di manutenzione delle alberature di alto fusto – proseguono – hanno generato notevoli problemi alla cittadinanza, fino a determinare casi di pericolo per la pubblica e privata incolumità che hanno reso necessari gli interventi reiterati dei Vigili del Fuoco”. In pratica, negli ultimi anni, il Comune, secondo la Municipalità, ha fatto solo una potatura. "Al termine della scorsa stagione autunnale e del primo periodo primaverile – scrivono Paolo De Luca e Iozzi – presso la Municipalità V Arenella-Vomero è stato eseguito un unico intervento di potatura delle alberature di alto fusto, in via Bernardo Cavallino".

La Municipalità DemA al governatore De Luca: “Comune assente sul Verde"

“In occasione di ogni comunicazione – aggiungono nella lettera al presidente della Regione Vincenzo De Luca – abbiamo evidenziato le ragioni di sicurezza e tutela della pubblica e privata incolumità a cui rispondono gli interventi richiesti, tenuto conto che, presso tutte le predette strade, la pubblica illuminazione è quasi del tutto oscurata dalle chiome degli alberi e che i rami, appesantiti dal fogliame, con sempre più costante frequenza si spezzano e rischiano di schiantarsi al suolo. Con il medesimo carteggio, inoltre, si è avuto modo di evidenziare, altresì, la necessità di effettuare con il personale in capo alla Direzione Verde della città, un accurato monitoraggio di tutte le alberature della Municipalità, al fine di appurare eventuali criticità puntuali”.

“La Regione Campania faccia lei le potature”

“Tutto quanto, purtroppo – concludono – è rimasto lettera morta. Allo stato, all’inizio di febbraio, nulla è dato sapere in merito all’avvio delle potature di alto fusto, né se le stesse avranno o meno luogo. Tanto premesso, gli scriventi chiedono alle istituzioni regionali, qualora in condizione e in possesso di uomini, mezzi o risorse, di poter pianificare un piano di interventi presso le strade della Municipalità V, anche di concerto con la Direzione Verde della città del Comune di Napoli. Qualora ciò fosse possibile, si chiede l'istituzione di un tavolo di concertazione e pianificazione degli interventi e l’avvio, senza ritardo, degli stessi”.