Paura su via Udalrigo Masoni dopo che questa notte attorno alle tre si è aperta un'enorme voragine. Quasi cento le persone sfollate da due palazzi limitrofi, con le verifiche in corso per fughe di gas e le erogazioni di corrente elettrica e acqua in tutta la zona. "Una tragedia sfiorata", ha fatto sapere il presidente della Terza Municipalità di Napoli, Ivo Poggiani, che ha spiegato che la zona era già interessata dai lavori di rifacimento del manto stradale, "ma non dei sottoservizi". Le pesanti piogge di questi giorni hanno con ogni probabilità portato al cedimento strutturale di questa notte, che solo per caso non ha causato bilanci ben più gravi: non ci sono feriti infatti, ma considerando l'alta densità di popolazione in zona è praticamente un miracolo o quasi.

"L'aria di interdizione è stata allargata, sgomberando alcuni palazzi con molta gente che ha dormito in strada", ha spiegato ancora Ivo Poggiani, "questa notte sono iniziati i lavori dell'Italgas e riprenderanno quelli di Acqua Bene Comune. Siamo vicini alle famiglie sgomberate, e come Municipalità non andremo via dall'area interessata fino a quando non sarà risolto il problema. Ci continuiamo a prendere responsabilità su problemi non di nostra competenza per senso di responsabilità", ha concluso il presidente della Municipalità che comprende i quartieri Stella e San Carlo all'Arena, "ma ognuno faccia la propria parte". Al momento il traffico è bloccato su tutta via Masoni: chiusa anche la vicina via Sogliano, attraverso la quale si raggiunge la zona di Calata Capodichino.