Aperto oggi il cantiere Eav della Stazione della Metropolitana “Di Vittorio”, che si trova all'interno dell'aeroporto militare di Capodichino. La Stazione rientra tra le fermate dell'anello della metropolitana che si collega con la Linea 1 di Napoli. Nell’appalto integrato Piscinola/Capodichino (diviso in tre lotti, valore complessivo dell’opera 410 milioni) sono comprese le stazioni di Miano, Regina Margherita, Secondigliano e Di Vittorio. Per la prima l’apertura è prevista nel 2021, per la seconda e la terza nel 2022 e per Di Vittorio nel 2023. La linea tra Scampia e Di Vittorio dovrebbe essere quindi essere completata entro il 2023. In attesa dell’apertura della stazione di Capodichino e della chiusura dell’anello (prevista nel 2024) è prevista la istituzione di una navetta tra Di Vittorio e l’aeroporto che dista circa 700 metri. A tal fine verrà realizzata un’area di stazionamento bus. “Con l’apertura del cantiere Di Vittorio – spiega il presidente Eav, Umberto De Gregorio – all’interno dell’aeroporto militare di Capodichino, i cantieri aperti della metropolitana EAV per la chiusura dell’anello passano a quattro. Il quinto cantiere, quello della stazione Scampia, è stato riaperto nel 2017 ed i lavori sono terminati nel 2019. Tutti e cinque erano chiusi sino al 31 dicembre del 2016. A seguito delle transazioni firmate nel 2017 i lavori sono ripresi nel 2018 ed oggi sono in stato avanzato di produzione. Le stazioni della metropolitana di EAV site nel Comune di Napoli saranno quindi cinque, a regime. A queste si aggiungono le cinque stazioni della linea arcobaleno, già attiva per 10 km, che da Scampia porta ad Aversa. Inoltre, è in fase di completamento la sesta stazione di Melito, la cui messa in servizio è prevista agli inizi dell’anno prossimo”.

In ogni stazione ci sarà un presidio Asl

In ogni stazione è previsto un punto di accoglienza della ASL NA1, come già esiste a Scampia. Qui un parco giochi attrezzato nei pressi della stazione è stato dedicato proprio stamattina a Franco Della Corte, il vigilante ucciso nella stazione di Scampia il 16 marzo 2018, alla presenza della famiglia ed in particolare del figlio Giuseppe, che oggi lavora nell’impresa che esegue i lavori. “Ci piacerebbe anche dedicare degli spazi nelle stazioni di Miano e di Di Vittorio – prosegue De Gregorio – alla memoria di Attilio Romanò e Gianluca Cimminiello, altre due vittime innocenti della camorra del territorio”.

Chiusa la gara per l'acquisto di 10 treni nuovi del metrò

“Si è chiusa la gara – conclude De Gregorio – per accordo quadro (valore 96 milioni) per la fornitura di 10 nuovi treni per la metropolitana di EAV. Il contratto è stato firmato venerdì scorso. Abbiamo ricevuto una sola offerta, quella di CAF – la stessa società che sta realizzando i treni nuovi della Linea 1 di Napoli (Ndr) – Consegna prevista tra due anni. Inoltre, EAV ha predisposto l’istruttoria per reperire i finanziamenti per ulteriori 2 nuovi treni per un totale complessivo di 12”. La Metropolitana, a regime, sarà di 35 km. Di cui linea EAV/Regione per circa il 43% e linea ANM/Comune per circa il 57%. In corso un tavolo tecnico (tra EAV, Regione, ANM e Comune e Metropolitana di Napoli) per definire la compatibilità delle gestioni. Si sta progettando che sia i treni EAV che quelli ANM percorreranno l’intero anello, garantendo in tal modo un esercizio urbano ed extraurbano. Una vera metropolitana regionale. Nel 2024 l’anello sarà completato. I treni saranno gli stessi (produzione CAF) ed in numero sufficiente (36). Dal tavolo tecnica sta emergendo quindi la opportunità di una gestione manageriale congiunta.