780 CONDIVISIONI
Opinioni
5 Marzo 2019
18:02

Camorra, dopo l’arresto di Marco Di Lauro i Contini sono il clan più potente di Napoli

Nella miriade di clan che sono attivi su Napoli e provincia, quello fondato da Eduardo Contini oggi appare il più solido e potente: nessuna scissione interna, mai nessun affiliato diventato collaboratore di giustizia. Il gruppo di Edoardo ‘o Romano ha in mano droga, estorsioni, scommesse e contraffazione e ha investito per centinaia di milioni di euro in mezza Europa.
A cura di Nico Falco
780 CONDIVISIONI
Il boss Contini, detto ’o Romano
Il boss Contini, detto ’o Romano

Un clan che non ha mai avuto scissioni interne, che tra le sue fila non ha mai annoverato affiliati diventati poi collaboratori di giustizia. Compatto dall'inizio, senza colpi di testa e tentativi di scalate al vertice, senza fratture che esponessero il fianco agli altri gruppi. E con contatti ben saldi con gli altri gruppi criminali. Nell'universo disgregato della criminalità organizzata napoletana, oggi il clan più solido, granitico e ancora ferocemente attivo, è quello fondato da Eduardo Contini. Il gruppo avrebbe un ruolo anche nelle frizioni del centro storico: appoggerebbe i Sibillo, a cui i Contini sono legati anche da parentele tra gli affiliati, contro i rivali di sempre del clan Mazzarella.

Edoardo ‘o Romano è detenuto dal 2007, quando fu arrestato a Casavatore. Era latitante da 7 anni e inserito tra i 30 più pericolosi d'Italia. Nell'appartamento dove viveva, preso in affitto da una vedova, i poliziotti trovarono parecchi pizzini, che usava per gestire il suo impero. Perché Contini non usava il telefono, non usciva praticamente mai di casa, buttava i vestiti piuttosto che mandarli in tintoria.

La mappa aggiornata della camorra a Napoli
La mappa aggiornata della camorra a Napoli

Contini (Napoli, 6 luglio 1955) intraprende la carriera criminale agli inizi degli anni '80, abbandonando la vita da imprenditore. Pochi anni dopo, già inquadrato nella Nuova Famiglia, quella nata per contrapporsi alla Nco di Raffaele Cutolo, è alla guida di un gruppo criminale con base a San Giovanniello, nel quartiere San Carlo Arena. È la zona dell'Arenaccia, una delle più calde per la densità abitativa e per la vicinanza con le aree su cui insistono gli altri clan. A metà degli anni '80 è già tra i criminali più influenti di Napoli: dopo un incontro con i narcos colombiani, a cui prendono parte anche i mafiosi siciliani, si aggiudica il mercato dell'Europa dell'Est per la cocaina sudamericana.

In quel periodo Contini è tra i fondatori dell'Alleanza di Secondigliano (insieme a Francesco Mallardo e a Gennaro Licciardi). E non perde lo spirito imprenditoriale: diversifica e investe. Il suo clan mette le mani su usura ed estorsioni, traffico di droga, gioco d'azzardo e contraffazione, e investe in case, società, attività imprenditoriali. Nel 2017 la Guardia di Finanza, su disposizione della Dda, confisca al suo gruppo un tesoro di 320 milioni di euro già finito sotto sequestro preventivo due anni prima: ci sono distributori di benzina tra Campania e Molise, bar tra Napoli e Avellino, tabaccherie, aziende per la torrefazione di caffè, gioiellerie e una trentina di immobili tra cui una villa a Ischia. Ed era probabilmente soltanto la punta dell'iceberg.

Oggi il suo clan si estende su Poggioreale, il Vasto e San Carlo Arena, con ramificazioni a Roma e nel basso Lazio, in Toscana, Emilia Romagna e Lombardia e con tentacoli che arrivano anche a Barcellona e ad Amsterdam. Il core business rimane però a Napoli, a San Giovanniello.

780 CONDIVISIONI
Va in arresto cardiaco al gol del Napoli contro la Juve, salvato dal personale del 118
Va in arresto cardiaco al gol del Napoli contro la Juve, salvato dal personale del 118
Camorra a Firenze, bloccati l'ascesa di un clan e finanziamenti Covid
Camorra a Firenze, bloccati l'ascesa di un clan e finanziamenti Covid
Slot machine della camorra, a Maddaloni confische per 300mila euro a imprenditori vicini a clan
Slot machine della camorra, a Maddaloni confische per 300mila euro a imprenditori vicini a clan
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni