“Sulla Cassa integrazione in deroga dal Governo e dalla Regione Campania solo chiacchiere, dirette social e qualche elemosina. La Lega dice no alle briciole di Stato”. Interviene così il Coordinamento regionale della Lega in Campania sulla mancanza di risorse per coprire tutta la platea dei beneficiari della Cassa Integrazione in deroga per il Coronavirus in Campania. All'appello, infatti, secondo i sindacati, mancano circa 40-50 milioni di euro, per soddisfare tutti i 190mila lavoratori potenziali beneficiari. Critiche anche per i ritardi nella corresponsione dei pagamenti. Secondo i dati dell'Inps aggiornati al 14 maggio, infatti, solo una persona su quattro ha ricevuto concretamente il pagamento”.

Campania, Lega: “Zero fatti per turismo e liquidità imprese”

Un nuovo incontro tra l'Inps, la Regione Campania e i sindacati è previsto per la prossima settimana. Il Governo, infatti, ha prorogato la cigs per altre 9 settimane, fino al 31 agosto. La Lega in Campania, intanto, attacca le modalità con la quale è stata affrontata l'emergenza per alcuni settori finora. “Zero fatti sul turismo – scrive il Coordinamento regionale della Lega in Campania – zero liquidità alle imprese, zero soldi alle famiglie e tanta confusione su mascherine e tamponi. Gli ospedali sono ancora affetti da cronica disorganizzazione e le zone rosse tagliate fuori dagli aiuti. Doveva essere il momento del rilancio ma ci accorgiamo tristemente che la Campania è ferma al palo. Legata com'è, alle tante promesse di De Luca, che riempiono i social di like ma svuotano le tasche dei cittadini e delle imprese per mancanza di concretezza”.