Un boato fortissimo, che si è sentito a chilometri di distanza. Poi, le fiamme. I primi a intervenire i carabinieri della stazione di Gesualdo, che si trova a pochi minuti dal luogo dello scoppio, subito dopo i vigili del fuoco per domare le fiamme e avviare il sopralluogo tra i detriti. Ad esplodere, poco prima delle 17 di oggi, per motivi che restano da accertare, un deposito di fuochi di artificio in località Pastena, in via Prima Traversa 4 novembre, nel comune di Gesualdo, 3.400 abitanti in provincia di Avellino.

Oltre alla squadra di Grottaminarda dei pompieri è arrivata sul posto una squadra dalla sede centrale, il funzionario di guardia e il comandante. Nell'esplosione è deceduta una persona di cui non sono state ancora rese note le generalità, si tratterebbe di Michele d'Adamo, 50 anni, titolare della ditta. Sono in corso le ricerche per verificare l'eventuale presenza di altre persone rimaste coinvolte.

Il deposito, completamente sventrato dall'incidente, si trova ad alcuni chilometri dal centro abitato ed era stato ricavato da una ex casa colonica e gestito da da una ditta individuale che opera nel settore dei fuochi d'artificio.