Crescono sensibilmente i dati relativi al focolaio di coronavirus nel Casertano. Trascinata da Mondragone, infatti, la provincia di Caserta ha visto un incremento considerevole di casi nel giro di pochissimi giorni. Basti pensare che lunedì mattina, nell'intera provincia, vi erano appena dieci persone ancora positive. Mentre oggi, in appena 48 ore, il numero si è triplicato: 35 casi ancora attivi, 29 dei quali in quel di Mondragone.

Numeri in crescita che sono dovuti al focolaio delle ex palazzine Cirio di Mondragone, dove la scoperta di una donna asintomatica (che era andata in ospedale per partorire) ha portato in poche ore a concentrare i controlli ed i relativi tamponi in tutte le palazzine. E numeri che potrebbero ancora aumentare nelle prossime ore, quando saranno resi noti gli ultimi risultati dei tamponi eseguiti e non ancora analizzati dai laboratori. Alle 10 di questa mattina, mercoledì 24 giugno, nel consueto bollettino che l'Azienda Sanitaria Locale di Caserta pubblica quotidianamente, i numeri erano però già significativi.

Trentacinque casi attualmente positivi nell'intera provincia di Caserta, ventinove dei quali a Mondragone. Il doppio rispetto al giorno prima, quando la provincia registrava 17 persone ancora positive ed 11 a Mondragone, mentre lunedì erano appena 10 a livello provinciale e 5 (la metà) a Mondragone. Prima che emergesse insomma il focolaio delle palazzine ex Cirio, la provincia di Caserta era vicinissima alla quota zero positivi.

La situazione da inizio pandemia nella provincia di Caserta parla di 501 casi positivi, con 421 guariti, 45 deceduti e, appunto, 35 attualmente positivi, a fronte di 31.693 tamponi analizzati. A questi si aggiungono anche 22 persone in quarantena in quanto contatto stretti di pazienti positivi. Mondragone fa registrare al momento 40 casi positivi, compresi quelli delle ultime ore, che portano il totale a 29 casi ancora positivi, 8 guariti e 3 decessi. Le altre città ancora alle prese con il coronavirus sono solo sette: il capoluogo di Caserta e le città di Dragoni, Casapulla, Lusciano, Marcianise e Rocca d'Evandro, tutte con un solo caso positivo ciascuno.