Ultimi ritocchi allo Stadio San Paolo per il big-match di domani Napoli-Inter di Coppa Italia, che si giocherà comunque a porte chiuse. Gli addetti della NapoliServizi sono intervenuti questa mattina per la sanificazione e la messa a punto dell'impianto di Fuorigrotta, dagli spogliatoi del Napoli, a quelli degli ospiti, alla tribuna stampa e alla zona cosiddetta del dirigibile. Il manto erboso del campo è stato trovato in ottime condizioni. Un'operazione per rendere lo stadio in condizioni perfette per la semifinale di domani sera, alle ore 21. Il San Paolo, infatti, non viene utilizzato da tre mesi e mezzo, a causa del Coronavirus. L'ultima partita casalinga del Napoli, con il Torino, risale al 29 febbraio scorso (il 2020, infatti, è anno bisestile). NapoliServizi, oggi, è intervenuta con una squadra di 6 operai addetti alla sanificazione di tutti gli spazi comuni che domani saranno utilizzati. In particolare, lo spogliatoio ospiti, bagni, la sala stampa, zona interviste e tribuna stampa, la tribuna d'onore, i corridoi dove passeranno i giocatori, lo spogliatoio arbitri, l'infermeria e il dirigibile che si trova in alto, ossia la zona di controllo della sicurezza. Si sono utilizzati i nebulizzatori elettrici a mano, perché le aree da trattare non sono raggiungibili tramite veicoli con cannoncini.

Il San Paolo riapre dopo 3 mesi, ma senza pubblico

Il match con l'Inter si sarebbe dovuto tenere il 5 marzo, di giovedì, e il San Paolo, infatti, era già stato igienizzato il 4 marzo, proprio per quell'occasione. Ma la partita fu rinviata a causa dell'esplodere della pandemia. Sulla vicenda intervenne il Prefetto di Napoli, Marco Valentini, che a seguito di una riunione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, decise il rinvio dell'incontro valevole per la Coppa Italia TIM 2019-2020, che era stato programmato allo Stadio San Paolo di Napoli alle 20,45. La partita, domani, sabato 13 giugno, si terrà, invece, alle ore 21 e sarà a porte chiuse, come previsto dalla normativa nazionale, quindi senza pubblico presente. Il Comune, per questo motivo, ha deciso di non predisporre il solito piano traffico a Fuorigrotta. Ci saranno comunque le forze dell'ordine a vigilare sulla sicurezza dello stadio, dove potranno entrare solo 300 persone delle squadre e degli addetti ai lavori e alla sicurezza. Prima dell'inizio della partita ci sarà un omaggio delle squadre ai medici e agli infermieri eroi del Cotugno che in questi mesi hanno combattuto il Covid19. I giocatori osserveranno un minuto di silenzio.