415 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Aprile 2020
18:18

In Campania lunedì ripartono i cantieri. Si potrà rientrare in negozi e hotel per pulirli

L’ordinanza della Regione: via ai cantieri in Campania da lunedì 27 aprile e fino al 3 maggio. Mentre i gestori delle attività commerciali e produttive sospese, compresi alberghi, stabilimenti balneari e pelli, potranno rientrare negli esercizi ma solo per sanificare, conservare e manutenere i locali.
A cura di Pierluigi Frattasi
415 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ripartono i cantieri in Campania da lunedì 27 aprile e fino al 3 maggio. Mentre i gestori delle attività commerciali e produttive sospese, compresi alberghi, stabilimenti balneari e pelli, potranno rientrare negli esercizi ma solo per sanificare, conservare e manutenere i locali. È quanto ha deciso il presidente Vincenzo De Luca, con l'ordinanza numero 39 firmata oggi, 25 aprile 2020, che arriva a ridosso della fase 2 che dovrebbe partire il prossimo 4 maggio. La Regione Campania modifica quindi in parte l'ordinanza 32 del 12 aprile scorso. Tra le altre novità, la possibilità di fare jogging vicino casa, anche se con diversi limiti, e la modifica degli orari delle pizzerie per la consegna a domicilio.

Ecco le novità per i cantieri e gli altri locali

“Con decorrenza dal 27 aprile 2020 e fino al 3 maggio 2020 – recita l'ordinanza 39 – ferme restando le misure statali e regionali vigenti, su tutto il territorio regionale sono consentite: previa comunicazione al Prefetto competente, ai sensi dell’art.2, comma 12 DPCM 10 aprile 2020, le attività conservative e di manutenzione, di pulizia e sanificazione nei locali ed aree adibiti allo svolgimento di attività commerciali e produttive, ancorché sospese per effetto della vigente disciplina statale e/o regionale, ivi comprese le attività alberghiere e ricettive in genere nonché quelle balneari e quelle relative alla manutenzione, conservazione e lavorazione delle pelli”. Mentre è consentita anche “l’attività edilizia nei limiti delle attività con codici ATECO ammessi dalla vigente disciplina nazionale (DPCM 10 aprile 2020)". La Regione Campanmia, quindi, su questo punto ha deciso di revocare le limitazioni che aveva imposto il 12 aprile, rispetto al resto d'Italia, anticipando di una settimana lo sblocco. Nel periodo del lockdown, infatti, solo i cantieri indifferibili, come quelli stradali, della telefonia e della fibra ottica, sono andati avanti.

415 CONDIVISIONI
31624 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni