il-volo

Scherzate tutto, ma non sulla tradizione. Dunque Google rischia davvero grosso, agli occhi dei napoletani, se attribuisce un classico della canzone napoletana, quell' ‘O sole mio diventato in tutto il mondo inno italiano perfino più popolare di quello ufficiale di Mameli a un gruppo giovani interpreti, ovvero Il Volo. Basta andare sul motore di ricerca più usato al mondo e cercare l'immortale testo di Giovanni Capurro e Eduardo Di Capua (scrivendo o sole mio) per ottenere come primo risultato di ricerca, grazie a Google Play, lo store multimediale di Mountain View, il testo in dialetto partenopeo.

La paternità del testo viene però attribuita alla giovane formazione musicale costituita da due tenori e un baritono che al massimo può annoverarne una versione incisa, al pari di centinaia di artisti che dal 1898 l'hanno interpretata. Il motivo è squisitamente tecnico: Il Volo è molto presente sul motore di ricerca e su scala internazionale; la canzone partenopea è uno dei cavalli di battaglia del trio italiano. Tuttavia è un errore,  è un clamoroso svarione, non c'è che dire. Speriamo che qualcuno ci metta la ‘manella‘ e corregga.

«’O sole mio» attribuito a Il Volo
in foto: «’O sole mio» attribuito a Il Volo

Il testo completo di ‘O sole Mio

Che bella corsa e' na jurnata'e'sole
N'aria serena doppo na tempesta
Pe'll'aria fresca pare gia' na festa
Che bella cosa na jurnata'e sole
Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne'
‘O sole mio sta nfronte a te
‘O sole o sole mio
Sta nfronte a te
Sta nfronte a te
Luceno'e llastre d'a fenesta toia
‘Na lavannara canta e se ne vanta
E pe'tramente torce, spanne e canta
Luceno'e llastre d'a fenesta toia
Ma n'atu sole cchiu' bello, oi ne'
‘O sole mio sta nfronte a te
‘O sole o sole mio
Sta nfronte a te
Sta nfronte a te