3.122 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
28 Aprile 2020
9:30

Città senza spazi verdi e regole assurde di De Luca: e vi meravigliate della folla sul lungomare?

Il lungomare si riempie a causa dei runner indisciplinati, a morte il runner. Questo livello di discussione è l’antitesi di qualsiasi riflessione analitica, è l’antitesi della politica in quanto gestione della cosa pubblica e tentativo di risoluzione/pianificazione. Il coronavirus sta tirando fuori il peggio di noi ma soprattutto il peggio della politica.
3.122 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Se il Lungomare si affolla è colpa dei runner! La realtà la si può leggere con disarmante banalità oppure si può cercare di sviscerare i fenomeni cercando di capire che raramente il mondo è fatto di bianchi e neri, è che la realtà è molto più complessa di una foto. Che quello che è successo ieri sera a Napoli non è figlio del folklore, dell'indisciplina (se non in minima parte) dei napoletani ma di un male endemico italiano e del campanilismo partenopeo.

No, non è successo solo a Napoli che il lungomare si affollasse: è successo anche a Trieste e, anche, nella Salerno del Presidente della Regione. Quando si guarda una foto, un video si resta da soli con il proprio telefonino e la propria interpretazione dei fatti. Quando si guardano una foto o un video per poco meno di 3 secondi si rischia di non comprendere i fenomeni ma di reagire in base all'emotività che quell'immagine scatena in noi. Se poi su questi isterismi la politica costruisce la propria azione di governo la frittata culturale è fatta.

Chi, guardando le immagini di ieri sera, vuole fermarsi a un livello interpretativo superficiale può aggrapparsi agli stereotipi; può lanciarsi andare ad analisi un tanto al chilo oppure cercare di capire perché ieri sera il lungomare di Napoli era pieno di gente.

Partiamo dal punto più semplice: dopo 49 giorni di quarantena c'era la necessità di tornare a riappropriarsi degli spazi. Questo non vuol dire farlo senza distanziamento sociale e/o protezioni, vuol dire imparare a convivere con il virus, non è quello che ci dicono da giorni?

C'è un secondo punto. Le fasce in cui fare attività fisica (per delibera della Regione Campania) sono 2: dalle 6.30-8.30/19-22. Cosa ci si aspettava sarebbe successo? Quante persone sarebbero andate a correre la sera dopo il tramonto in una città deserta? Era prevedibile che in molti si sarebbero riversati in strada prima del tramonto.

Infine un terzo punto: le classifiche che tanto odiano i "pasdaran" di qualsiasi dibattito serio sullo stato della città e la sua qualità di vita. Napoli è 84esima in Italia per verde urbano. Peggio di noi solo Cementopoli, Asfaltopoli e qualche altra città in cui il verde è solo un miraggio. La terribile situazione cittadina è aggravata dall'emergenza coronavirus che ha previsto la chiusura di quei (pochi) spazi verdi urbani ancora agibili.

Resta quindi la domanda: cosa vi aspettavate sarebbe successo? Soprattutto la politica cosa si aspettava sarebbe successo? Chi prende le decisioni pensa alle conseguenze delle proprie azioni? O la politica è solo comizi e terrore? O l'azione politica si esaurisce nella caccia al runner, nell'epiteto verso i cittadini?

È serio un paese in cui si dà la caccia al runner 60enne ma non si parla di spazi verdi urbani? È seria una politica che minaccia lanciafiamme e poi gestisce i flussi comprimendoli in fasce? È seria una politica che non si accorge che dopo il tramonto, date le strade deserte e la recrudescenza criminale, c'è meno sicurezza?

Sono queste le domande che dovrebbero nascere dall'osservazione di quelle foto e di quei video. Non si può acriticamente tuonare sulla base dello "shock" emotivo provocato da una foto. La politica ha l'obbligo di analizzare le situazioni e di intervenire per trovare soluzioni. Ma questo richiederebbe una democrazia matura e noi non lo siamo.

3.122 CONDIVISIONI
Ex direttore d'AgoraVox, già professore di Brand Strategy e Comunicazione Pubblicitaria Internazionale presso  GES -  Grandes Écoles Spécialisées di Parigi. Oggi direttore responsabile di Fanpage.it.
31632 contenuti su questa storia
Per i non vaccinati la mortalità è 6 volte più alta rispetto a chi ha fatto la terza dose Covid
Per i non vaccinati la mortalità è 6 volte più alta rispetto a chi ha fatto la terza dose Covid
Bollettino Covid, oggi in Italia 19.457 contagi e 78 morti per Coronavirus: i dati di domenica 14 agosto
Bollettino Covid, oggi in Italia 19.457 contagi e 78 morti per Coronavirus: i dati di domenica 14 agosto
Covid in Lombardia, 2.143 nuovi casi e 20 decessi, a Milano città 538 contagi: il bollettino del 14 agosto
Covid in Lombardia, 2.143 nuovi casi e 20 decessi, a Milano città 538 contagi: il bollettino del 14 agosto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni