Viaggiatori davanti alla stazione Garibaldi oggi, 25 novembre
in foto: Viaggiatori davanti alla stazione Garibaldi oggi, 25 novembre

Brutta sorpresa per pendolari e studenti napoletani, che stamattina, arrivati alle stazioni della Linea 1 della metropolitana, si sono trovati davanti alle saracinesche abbassate. È il dispositivo che solitamente viene utilizzato dall'Anm quando l'affluenza è troppo alta, per questioni di sicurezza ed evitare che troppa gente si accalchi sulle banchine. Così, mentre i convogli trasportano chi è già in attesa dei treni, le stazioni vengono temporaneamente chiuse per essere riaperte e far entrare gli altri a scaglioni.  Oggi, 25 novembre, gli accessi sono stati bloccati nelle stazioni Garibaldi e Chiaiano, tra le più affollate alle prime ore del mattino.

Come già accaduto per le altre volte, a preoccupare maggiormente i viaggiatori è l'assenza di comunicazioni efficaci, come potrebbero esserlo dei tabelloni informativi. Se i ritardi sono ormai preventivati, infatti, chi si è trovato davanti alle saracinesche abbassate ha dovuto faticare non poco per capire quale fosse l'origine del blocco e molti, temendo che si trattasse di un guasto e che quindi la linea fosse ferma, hanno deciso di tornarsene a casa, perdendo un giorno di scuola o di lavoro.

Tra quattro giorni, il 29 novembre, è previsto uno sciopero dei trasporti indetto dalla Uil Trasporti: per 4 ore si fermerà la Linea 1 della metropolitana di Napoli. L'agitazione durerà dalle 11.30 di venerdì 29 novembre alle 15.30 dello stesso giorno. L'Eav ha fatto sapere che in occasione dello sciopero nazionale di 24 ore, fissato anche questo per il 29 novembre e indetto dal sindacato Usb, potrebbero verificarsi dei disagi anche sulle linee della Cumana e della Circumflegrea, ma che saranno rispettate le fasce di garanzia.