Disagi continui sul territorio napoletano per i continui temporali che si stanno rovesciando un po' ovunque nelle ultime ore. In particolare, ad essere il più martoriato è stato il territorio flegreo, dove le piogge e i temporali si sono abbattuti con particolare intensità. Traffico rapidamente in tilt, con strade allagate un po' ovunque che hanno mandato in tilt la circolazione veicolare in tutta la zona flegrea.

In particolare, a Pozzuoli i temporali hanno portato all'allagamento del lungomare di via Napoli ma anche le strage in località Cigliano, San Martino, Licola mare e Monterusciello. A Monte di Procida, attivato il Centro Operativo Comunale per monitorare la situazione dei costoni di tufo: si teme infatti che le forti piogge e temporali possano provocare frane e smottamenti. Situazione ancora più difficile a Quarto, dove fango e melma sono fuoriusciti dalle vasche di via Caselanno e Crocillo, invadendo in alcuni casi anche i condomini ed i piani più bassi.

Già nella giornata di ieri, i disagi si erano allargati anche alla città di Napoli, con il quartiere di Chiaia completamente allagato, con le strade diventate fiumi. La stessa Piazza Trieste e Trento, a due passi da Palazzo Reale e da piazza del Plebiscito, era diventata un enorme lago per le forte piogge cadute in poco tempo sul capoluogo partenopeo. Intanto, la Protezione civile della Regione Campania ha emanato quest'oggi un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica gialla per un nuovo rischio connesso ai temporali a partire dalla mezzanotte e fino alle 18 di domani 22 novembre. L'allerta meteo riguarderà soprattutto le aree di Napoli, le isole, l'area vesuviana e la costiera sorrentino-amalfitana.