Si è sfiorata la tragedia, nel pomeriggio di ieri, martedì 3 settembre, nelle acque di Torregaveta, a Monte di Procida, nella provincia di Napoli. Qui, una donna e sua figlia di 9 anni hanno deciso di fare un bagno in mare, nonostante le acque un po' agitate. Una volta in mare, la donna e sua figlia non sono riuscite a tornare a riva: fortunatamente, un altro bagnante, un imprenditore del posto, non ci ha pensato due volte e si è tuffato in acqua, rischiando la sua vita per portare in salvo le due donne. Portate sulla spiaggia, madre e figlia sono state visitate dai sanitari del 118: fortunatamente non hanno riportato gravi conseguenze. L'imprenditore, che con il suo gesto altruistico ha salvato le due, ha riportata qualche ferita leggera dopo aver urtato gli scogli durante il salvataggio.

Tante, purtroppo, questa estate, le persone che sono morte in mare in Campania, spesso vittime di malori mentre nuotavano e facevano il bagno. Ci sono anche vicende a lieto fine come quella di Torregaveta, però. A Varcaturo, a Giugliano, sempre nella provincia di Napoli, nello scorso mese di agosto, un uomo di 70 anni è stato colto da crampi mentre stava nuotando in mare, non riuscendo più a fare ritorno sulla spiaggia. Per fortuna, un carabiniere libero dal servizio, che si trovava anche lui in spiaggia, ha notato il 70enne in difficoltà e si è tuffato in acqua riuscendo, anche con l'aiuto di un bagnino, a riportare l'anziano a riva e ad affidarlo alle cure dei sanitari, salvandogli di fatto la vita.