Sulla questione delle presunte molestie sessuali all'Accademia di Belle Arti di Napoli si è espresso anche il direttore, Giuseppe Gaeta. A margine di una iniziativa su Scuola Viva presso la Regione Campania, Gaeta ha dichiarato: "Non ho mai incontrato il professore oggetto delle accuse. Io non ho provato a contattarlo e lui non si è fatto sentire". Il direttore dell'istituzione universitaria partenopea ha anche dichiarato di aver chiesto alla Procura di Napoli, che indaga sulla vicenda, di essere ascoltato: "Non sono stato ancora convocato in Procura ma sono rispettoso nei confronti di chi svolge le indagini. Ho fatto un atto, mi sono reso disponibile all'ascolto per enunciare i fatti a mia conoscenza e aspetto da rappresentate istituzionale e cittadino che sia accolto" ha detto Gaeta.

Intanto, dopo i video pubblicato da Fanpage.it, nei quali la studentessa di 20 anni che ha formalizzato le accuse, ha raccontato le violenze subite, mentre un'altra studentessa racconta di aver rifiutato le avances e per questo di essere sempre stata bocciata agli esami, il professore oggetto delle accuse si è dimesso, "per salvaguardare la serenità degli studenti", come ha scritto il diretto interessato in una lettera fatta pervenire ai vertici dell'Accademia. Il docente ha spiegato di essersi dimesso anche per potersi difendere nelle sedi giudiziarie opportune. Dopo le dimissioni, il presidente dell'istituzione universitaria, Giulio Baffi, a nome anche del direttore Giuseppe Gaeta e della Consulta degli studenti, ha diramato una nota nella quale si legge che l'Accademia "ha perso un docente di grande esperienza e grande bravura".