8 Novembre 2019
16:33

Napoli, arrestato Antonio Abbinante: era il nuovo boss di Scampia, reggente del clan

I poliziotti hanno arrestato Antonio Abbinante, 61 anni, ritenuto reggente dell’omonimo clan; scarcerato circa un anno fa e sottoposto alla sorveglianza speciale, è stato sorpreso a Mugnano di Napoli in compagnia di alcuni pregiudicati. L’uomo è il fratello dei boss Raffaele e Guido ed è il padre di Arcangelo Abbinante, tutti detenuti.
A cura di Nico Falco
Antonio Abbinante
Antonio Abbinante

Lo hanno fermato nella serata di ieri, 7 novembre, in via Aldo Moro, a Mugnano, in provincia di Napoli, mentre era insieme ad alcuni pregiudicati. Violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, e così si sono riaperte le porte del carcere: è tornato dietro le sbarre Antonio Abbinante, scarcerato circa un anno fa e ritenuto a capo del clan di camorra che porta il suo cognome. L'uomo, 61 anni, è il fratello dei boss Raffaele, detto Papele  ‘e Marano, e Guido, entrambi detenuti, ed è il padre di Arcangelo Abbinante, anche lui detenuto e ritenuto ai vertici del cartello Abete-Abbinante-Notturno.

Secondo gli investigatori Antonio Abbinante è il reggente del clan che è egemone in diverse zone di Scampia, tra cui vari lotti edilizi, via Ghisleri e via Fratelli  Cervi. Il 61enne era considerato, fino al 2004, tra gli uomini più vicini al superboss Paolo di Lauro; In quel periodo ci fu la scissione che portò alla prima Faida di Scampia: gli Abbinante si staccarono dal gruppo di Ciruzzo il Milionario, per affiancarsi al cartello degli Amato-Pagano.

Successivamente, nel 2012, il gruppo Abete-Abbinante-Notturno si affrancò dall'organizzazione di Raffaele Amato, Lello ‘a Vicchiarella, con una ulteriore scissione che portò alla Terza Faida di Scampia contro i Girati (Petriccione-Magnetti-Mennetta) della Vanella Grassi, che erano nuovamente tornati col clan Di Lauro; al termine della Faida gli Amato-Pagano dovettero abbandonare Scampia e riparare a Melito. È di questo periodo l'omicidio di Gaetano Marino, ucciso a Terracina nel 2012: il fratello di Gennaro Marino, e anche lui a capo del clan, fu ucciso da una batteria di fuoco degli Abete-Abbinante-Notturno.

Faida di Pianura: il boss Carillo arrestato a Marano, era l'ultimo ricercato dopo il blitz
Faida di Pianura: il boss Carillo arrestato a Marano, era l'ultimo ricercato dopo il blitz
Spari nella notte nel centro di Napoli, ferito il nipote del boss Piccirillo
Spari nella notte nel centro di Napoli, ferito il nipote del boss Piccirillo
I funerali di Antonio Casagrande il 29 luglio, il figlio Maurizio:
I funerali di Antonio Casagrande il 29 luglio, il figlio Maurizio: "Spero ci sia tutta Napoli"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni