2.001 CONDIVISIONI
Coronavirus
14 Maggio 2020
12:25

Napoli, lungomare pulito addio: schiuma bianca in mare

Nei giorni del lockdown da Coronavirus il mare di Napoli si era ripulito dall’inquinamento dell’uomo: i fondali erano tornati trasparenti, i pesci erano ritornati a riva. Ora non è più così. Con la Fase 2 scarichi e detersivi hanno riportato il lungomare partenopeo al triste inquinamento nei mesi precedenti, acuito dal vento che porta a riva schiuma e detriti.
A cura di Cir. Pel.
2.001 CONDIVISIONI
foto Fanpage.it
foto Fanpage.it
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il caldo e polveroso vento di scirocco da Sud-Est (il cosiddetto viento ‘e terra, che arriva dall'Africa) ha portato anche a riva sul lungomare schiuma bianca e residui di schifezze che non eravamo più abituati a vedere da un po'. Nei giorni del lockdown da Coronavirus, con la chiusura di tutte le attività, infatti, il mare partenopeo era tornato pulito o quanto meno non presentava rifiuti galleggianti e scarichi a mare. I fondali erano tornati trasparenti e i pesci si rivedevano nuovamente a riva. Ora la Fase 2, come ampiamente documentato nei giorni scorsi, ha fatto scattare purtroppo anche gli scarichi abusivi a mare. Con lo spostamento dal rimessaggio delle barche, poi, le rive si sono riempite di detersivi e liquami chimici di vario tipo. Oggi, giovedì 14 maggio, il vento sostenuto di scirocco ha fatto il resto, restituendo una immagine sconfortante con schiuma ovunque.

foto Fanpage.it
foto Fanpage.it

E dire che proprio oggi sono stati diffusi i dati delle Bandiere Blu 2020, ovvero i punti ritenuti più puliti della costa in Campania. E la regione è sul podio, al terzo posto in Italia, con 19 bandiere e un nuovo ingresso, rappresentato da Vico Equense. Per quel che riguarda i rilievi Arpac per l'avvio stagione balneare 2020, le analisi sono state bloccate dall'emergenza COVID-19 dopo un provvedimento del governo a garanzia del personale tecnico che effettua i campionamenti, con la possibilità da parte delle Regioni e delle Arpa di modificare le date di campionamento delle acque di balneazione, già inserite sul Portale Acque del Ministero, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

2.001 CONDIVISIONI
25916 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni