Primo giorno in Parlamento per Marta Antonia Fascina, la misteriosa deputata eletta in Campania tra le fila di Forza Italia. La candidatura e la successiva elezione della 28enne hanno costituito un mistero su cui diversi mezzi di informazione, in primis Fanpage.it, hanno cercato di indagare. Alla ricerca, come è lecito dal momento che si tratta di un personaggio pubblico che rappresenterà gli elettori alla Camera dei deputati, di informazioni più dettagliate su una ragazza che, a detta anche di diversi esponenti del centrodestra campani, era fuori dai "radar" della politica, e il cui nome sarebbe stato imposto da Silvio Berlusconi in persona.

La breve nota biografica sul sito della Camera

Oggi, 23 marzo, seduta tra i banchi di Montecitorio per votare il Presidente della Camera (votazione poi finita in un nulla di fatto, come al Senato), c'era anche la 28enne, ufficialmente proclamata deputata lo scorso 19 marzo. E proprio dal sito della Camera arrivano altre informazioni che aggiungono qualche tassello in più alla biografia della "candidata fantasma" che adesso si ritrova a fare parte della XVIIIesima legislatura. Marta Antonia Fascina è nata a Melito di Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, il 9 gennaio del 1990 e vive a Portici, in provincia di Napoli. Ventotto anni compiuti, la ragazza si è laureata in Lettere e filosofia, una delle poche informazioni trapelate già nei mesi scorsi su di lei. La Fascina, come riporta la breve nota biografica sul sito della Camera, risulta essere stata un'addetta stampa e "public relation specialist": un'informazione che combacia con le indiscrezioni (da lei confermate) su un suo passato nell'ufficio stampa del Milan.

Marta Fascina era stata blindata in due collegi plurinominali

La Fascina è stata eletta nel collegio proporzionale Campania 1 – 01, dunque nella quota proporzionale. La sua elezione è dovuta all'ottima posizione in cui è stata inserita nelle liste. La 28enne era stata blindata in ben due collegi: a Napoli nord figurava alle spalle dei big Mara Carfagna e Antonio Pentangelo, nel collegio Napoli Sud invece veniva subito dopo Paolo Russo. Una circostanza che aveva spinto Carlo Aveta, figura di spicco del centrodestra a Portici, a protestare su Facebook con Berlusconi: "Portici avrà il suo deputato, una ventottenne che Forza Italia ha blindato in ben due listini al proporzionale, come se fosse un big nazionale, dall’alto delle sue 58 preferenze raccolte alle comunali del 2013 con il Popolo della Libertà", aveva scritto Aveta, rendendo nota così l'unica altra esperienza politica pubblica della 28enne: "Egregio Presidente Berlusconi, la ringrazio per averci spinto a sostenere le forze politiche anti sistema – aveva poi concluso amaramente Aveta – quel sistema che lei con i suoi comportamenti pubblici e privati ha contribuito a far degenerare, mortificando la politica, i territori e gli elettori".

La neo deputata ha aperto un profilo su Facebook: finita l'epoca della segretezza?

Dal canto suo, Martina Antonia Fascina si appresta a vivere una nuova stagione della sua esistenza che non potrà più essere improntata alla segretezza. Da poche ore ha aperto un profilo pubblico su Facebook, dove ha pubblicato le prime foto tra i banchi di Montecitorio: "Una grande emozione – ha scritto a corredo di una foto – Da oggi, al servizio del mio Paese". Una netta inversione di tendenza, in quanto all'utilizzo dei social network: nei mesi scorsi infatti era stato pressoché impossibile trovare delle tracce della 28enne, una circostanza che aveva fatto pensare che i suoi profili social fossero stati "ripuliti" prima della candidatura. Adesso, invece, la 28enne sarà sotto i riflettori come tutti i suoi colleghi: chissà se, oltre a rispondere del suo operato da deputata, chiarirà anche il "mistero" relativo al suo passato.