È stato presentato il calendario completo della stagione 2019 dell'Arena Flegrea che vedrà alternarsi sul palco di Fuorigrotta ospiti nazionali e internazionali per un pubblico dal palato più ampio possibile. Il via sarà dato ufficialmente domenica 19 maggio con uno spettacolo intitolato OnDance che vedrà riuniti sullo stesso palco tre eccellenze dell'arte italiana: sarà la festa della danza di Roberto Bolle a inaugurare la stagione e lo farà con uno spettacolo che vedrà protagonisti altri importanti ballerini più due amici provenienti da altri mondi, ovvero Andrea Bocelli e Stefano Bollani che lo accompagneranno in questa serata speciale il cui incasso sarà devoluto al Centro di Forcella intitolato ad Annalisa Durante. Sarà la prima volta per lo spettacolo in città e il ritorno ufficiale dell'étoile a distanza di 8 anni, mentre sono 10 quelli che lo separano dall'ultima volta all'Arena.

Da Noa al musical su Pino Daniele

Anche quest'anno il Noisy Naples Fest si pone come principale appuntamento musicale dell'estate campana con un totale di 14 spettacoli che spaziano dai concerti alla danza e il musical che da maggio a luglio porteranno grandi artisti a esibirsi in una delle location più suggestive della città: "Dal 2016 a oggi abbiamo ampliato l'offerta, raddoppiando il numero di spettacoli in programma e diversificando la proposta artistica" ha detto Mario Floro Flores, amministratore Arena Flegrea. Ce n'è per tutti i gusti e tutte le età, e musicalmente si spazierà dal rap alla world, passando per il rock il jazz e l'elettronica. Dopo l'apertura del 19 sarà la volta di Noa, la cantante israeliana che il 31 maggio presenterà uno spettacolo speciale assieme ai Solis String Quartet con cui farà ascoltare lo spettacolo originale "Letters to Bach from Napoli" in cui unirà la sua rivisitazione di Bach, fatta sempre assieme al sodale Gil Dor, associata a una scaletta ad hoc che non mancherà di rendere omaggio alla città. E a proposito della città l'8 giugno torna a Napoli il Musical "Musicanti", ispirato da e a Pino Daniele: il ritorno in città avviene dopo il tour del Paese in cui circa 30 mila persone hanno assistito alle canzoni del Mascalzone Latino che sono diventate tele su cui si sono mossi li attori Noemi Smorra, Alessandro D’Auria, Maria Letizia Gorga, Simona Capozzi, Pietro Pignatelli, Enzo Garramone, Francesco Viglietti, Leandro Amato, Ciro Capano, accompagnati sul palco da una “resident band” d’eccezione, composta da celebri musicisti “amici” di Pino.

D'Alessio, D'Angelo e gli Skunk Anansie

Altro momento speciale per la città saranno le tre serate che si terranno il 21, 22 e 23 giugno quando all'Arena si esibiranno per la prima volta assieme Gigi D'Alessio e Nino D'Angelo per uno spettacolo intitolato "Figli di un Re Minore" in cui alterneranno i propri vasti repertori, con qualche sorpresa speciale. Il 9 luglio si cambia completamente e dalle melodie partenopee si passa alle sonorità rock degli Skunk Anansie, una delle band storiche della musica internazionale, capitanata da Skin e formata da Ace, Cass Lewis e Mark Richardson che quest'anno festeggiano 25 anni di carriera con un tour e un nuovo album tutto dal vivo, “25live@25”. Tempo tre giorni e sullo stesso palco salirà la Storia della musica e della televisione italiana con lo spettacolo di Renzo Arbore e l'Orchestra italiana con una scaletta del concerto che coniuga il nuovo e l’antico suono di Napoli.

Da Kamasi Washington all'Afro Cuban All Stars

Altro momento speciale sarà quello del 17 luglio quando arriva in città Kamasi Washington, uno dei maggiori e più amati jazzisti internazionali che dividerà il palco con Enzo Avitabile e i Bottari in un concerto che si preannuncia speciale e che replicherà quello dello scorso anno con James Senese: due set separati per i due artisti con una chiusura in cui suoneranno insieme. Dalle atmosfere jazz e world al ballo il passo è breve, perché il 18 luglio tocca a Samuel e ai suoi Subsonica, una delle formazioni storiche della musica italiana che suoneranno per il pubblico napoletano i loro successi e le canzoni tratte dal loro ultimo album "8" mentre il 24 luglio direttamente da Cuba arriverà l'Afro Cuban All Stars, ensemble diretta dal maestro Juan de Marcos Gonzales, uno dei produttori e musicisti più attivi della straordinaria scena cubana, fondatore del Buena Vista Social.

Salmo, Einaudi e Ghemon

Anche gli ultimi tre appuntamenti saranno speciali con lo spettacolo super di Salmo, il rapper di Olbia che pochi mesi fa ha pubblicato l'album "Playlist" e negli anni ha conquistato il pubblico con il suo rap hardcore: il rapper si esibirò il 26 luglio, il giorno dopo le acque si calmeranno e toccherà al pianista e compositore italiano più famoso al mondo, Ludovico Einaudi, campione in streaming, che presenterà "Seven Days Walking", mentre il 28 luglio si chiude con Ghemon, l'artista irpino che da anni mescola rap, soul, pop per una miscela che ne hanno fatto uno dei migliori cantanti e artisti del Paese, come ha dimostrato anche l'ultimo Festival di Sanremo dove ha conquistato tutti con "Rose viola"