Non ce l'ha fatta la 36enne rimasta ferita in un incidente lo scorso 15 febbraio: la giovane, che era stata ricoverata in Rianimazione, era apparsa fin da subito in gravissime condizioni, si è spenta dopo pochi giorni. La ragazza era donatrice di organi, e dunque per lei è stato disposto il trapianto multi-organi. Dolore e rabbia sui social network, dove in tanti hanno lasciato un ultimo saluto alla giovane, che si è spenta pochi giorni dopo il ragazzo che era con lei sulla motocicletta. Era stata infatti portata dal 118 in condizioni gravissime a causa dei numerosi traumi riportati nell'incidente. La giovane, di 36 anni, era partenopea di nascita ma residente ad Orta di Atella, nel casertano.

L'incidente era avvenuto attorno alle 17 dello scorso 15 febbraio: i due stavano viaggiando sulla moto, guidata dal ragazzo e si trovavano sulla Tangenziale di Napoli all'altezza del chilometro 3,1 tra il tratto compreso tra la diramazione per Capodichino e la Tangenziale di Napoli in direzione Pozzuoli, quando, per cause che sono ancora oggi in corso di accertamento, il giovane ha improvvisamente perso il controllo del mezzo, finendo con lo schiantarsi contro il guardrail e finendo poi sull'asfalto: l'impatto era stato molto violento, non lasciando scampo al ragazzo alla guida, che era morto sul posto. La ragazza che viaggiava con lui era stata invece trasportata d'urgenza all'ospedale Cardarelli, dove le sue condizioni erano apparse subito gravissime: dopo le prime cure del caso, era stata trasferita in Rianimazione dove ha lottato tra la vita e la morte per diversi giorni, prima di arrendersi.