60 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Ucciso davanti alla scuola, preso l’ultimo del commando dei killer

I carabinieri hanno arrestato a Scampia il 36enne Pasquale Ariosto, accusato di avere fatto parte del commando di killer che, il 9 aprile scorso, uccise il 57enne Luigi Mignano mentre accompagnava a scuola il nipotino, a San Giovanni a Teduccio, nella zona est di Napoli. Era scampato al blitz che aveva portato in manette, pochi giorni fa, altri due sicari.
A cura di Nico Falco
60 CONDIVISIONI
Immagine

Lo hanno scovato in una palazzina di viale della Resistenza, a Scampia. Era sfuggito all'ultimo blitz, che aveva portato in manette altri due componenti del commando, ma questa volta non è riuscito a scappare. Pasquale Ariosto, 36enne di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, è stato arrestato dai carabinieri è rinchiuso, insieme ai complici, nel carcere di Secondigliano: è accusato di aver fatto parte del commando di killer di camorra che, il 9 aprile scorso, aprirono il fuoco vicino ad una scuola di San Giovanni a Teduccio, uccidendo Luigi Mignano e ferendo il figlio.

La vittima, 57 anni, ritenuta vicina al clan Rinaldi di San Giovanni a Teduccio e cognato del boss Ciro Rinaldi detto MyWay, quella mattina stava accompagnando il nipotino a scuola insieme al figlio. Era in via Sorrento, nel Rione Villa, quartier generale e roccaforte del clan. I killer cominciarono a sparare tra la gente, mentre anche gli altri genitori erano coi bambini. Mignano, colpito in pieno, morì sul colpo. Il figlio rimase ferito. Il nipotino ne uscì miracolosamente illeso, malgrado i killer avessero sparato anche sull'automobile dove sapevano, hanno rilevato i magistrati, che dentro c'era il bambino nascosto tra i sedili.

Per quell'agguato, che si inquadrerebbe nella faida tra i Mazzarella e i Rinaldi, pochi giorni fa erano stati arrestati Giovanni Salomone e Giovanni Borrelli; in particolare, secondo le indagini Salomone avrebbe posizionato lo scooter vicino al luogo dell'omicidio e avrebbe procurato l'arma, rimanendo poi nei pressi come vedetta e come supporto, mentre Borrelli avrebbe distrutto la pistola dopo l'agguato. I precedenti arresti erano scattati il 4 maggio scorso, quando furono fermati 7 affiliati al clan D'Amico, costola del gruppo camorristico dei Mazzarella.

60 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views