Opinioni
28 Settembre 2019
17:59

Via Marina, slitta ancora la consegna del cantiere: ennesima proroga di un mese

Il Comune aveva annunciato che i lavori di via Marina, iniziati a novembre 2015, sarebbero stati consegnati entro il 30 settembre. Ma sono in ritardo. Prorogati fino al 31 ottobre. I sindacati degli operai scettici: “Occorrono almeno altri 6 mesi”. Il tratto dopo l’Autostrada potrebbe non essere ultimato adesso.
A cura di Pierluigi Frattasi
Il progetto iniziale di via Marina
Il progetto iniziale di via Marina

Slitta ancora la consegna dei lavori di via Marina. Dopo una serie lunghissima di rinvii e il cambio della ditta, il Comune aveva annunciato il termine dei lavori per il 30 settembre di quest'anno. Ma anche questo appuntamento sarà bucato. Da Palazzo San Giacomo, infatti, è arrivata una nuova proroga di 30 giorni per i lavori sul tratto tra via Ponte dei Francesi e via Marina dei Gigli. La dead line è fissata al 31 ottobre prossimo. Ma è molto difficile che si riesca a farcela. C'è ancora molto lavoro arretrato da recuperare. Dopo il ponte dell'Autostrada, infatti, solo i binari del tram sono stati finiti, mentre restano da fare marciapiedi e aiuole. “Ci sono lavori per almeno altri 6 mesi – commenta amaramente Massimo Sannino, responsabile Filca Cisl Sud Italia – è impossibile che possano essere ultimati entro l'anno”. Una nuova beffa per i cittadini e gli automobilisti che aspettano da 4 anni la fine dell'opera. Il restyling di via Marina era iniziato a novembre 2015, doveva durare circa 5 mesi e mezzo. Invece, di rinvio in rinvio è arrivato fino ad oggi.

Il piano: lavori-spezzatino per fare prima

Con il passaggio del testimone dei lavori dal vecchio Consorzio Asse Costiero scarl al nuovo raggruppamento di imprese, la Cogepa-Paco, avvenuto tra dicembre e gennaio, i nuovi arrivati hanno cercato subito di bruciare le tappe, rimettendo in sicurezza il cantiere, che era abbandonato da quasi un anno, e riavviando i lavori. Per fare prima, si è deciso di dividere le aree rimaste da completare, secondo il bando di gara originario, in più tranche. E si sta procedendo con la chiusura di un tratto alla volta. Si è data priorità alle corsie preferenziali centrali, dove passano i bus, riaperte già per le Universiadi di luglio, e alla riattivazione del tram. Le prime prove tecniche sui binari sono state fatte questa settiamana. Ma non si tratta ancora del pre-esercizio. Perché manca l'autorizzazione del ministero dei Trasporti per rimettere in circolazione il tram al servizio del pubblico. L'altro segmento sul quale ci si è concentrati è quello del cosiddetto totem pubblicitario della Rotonda Sant'Erasmo, che è ormai ultimato.

Il progetto di via Marina riqualificata confrontato con l’attuale situazione
Il progetto di via Marina riqualificata confrontato con l’attuale situazione

Via Marina, il cantiere "infinito"

Ciò nonostante, i lavori da fare sono ancora tanti. Resta da mettere mano ai marciapiedi e alle aiuole che si trovano al di là del Ponte dei Francesi, dove c'è l'accesso dell'autostrada, in direzione di Corso San Giovanni. Tanto che il Comune ha dovuto dare una ulteriore proroga. I lavori su via Marina dei Gigli e via Ponte dei Francesi, infatti, che dovevano essere ultimati il 30 settembre, sono stati prorogati al 18 ottobre prossimo.

I sindacati degli operai scettici sulla data della fine dei lavori

“Quando sarà completato tutto il cantiere di via Marina, da oltre 20 milioni di euro – commenta Massimo Sannino, responsabile Filca Cisl Sud – resta ancora un'incognita. Il Comune sta consegnando le aree poco alla volta. I tempi dipendono anche dagli stanziamenti dell'amministrazione. La data finale per la consegna, al momento, resta fissata al 31 ottobre prossimo. Ma dubito che possa essere rispettata. Dai sopralluoghi effettuati sembra ci siano lavori per almeno altri 6 mesi. Sul lato di Corso San Giovanni sono stati fatti solo i binari del tram”.

Non è escluso che l'intervento attuale possa concentrarsi soprattutto sulla zona di via Reggia di Portici, quella compresa tra la Rotonda Sant'Erasmo e l'accesso all'Autostrada. Rinviando, invece, il tratto successivo di via Ponte dei Francesi e via Ponte dei Granili, all'altro appalto, sempre da 20 milioni di euro circa, che dovrebbe riguardare il restyling di Corso San Giovanni. Attualmente è in fase di progettazione esecutiva e i lavori dovrebbero partire dopo quelli di via Marina.

Giornalista professionista dal 2016, per Fanpage.it segue la cronaca di Napoli, con particolare riferimento ai settori politica, istituzioni, trasporti, Sanità, economia. Ha collaborato in passato con i quotidiani “Il Mattino”, “Roma”, “Il Fatto quotidiano.it” e con l'agenzia di stampa Italpress. Nel 2014 ha vinto il Primo Premio al Premio di Giornalismo “Francesco Landolfo”. Per l'attività giornalistica svolta è stato ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche (tra le quali Agorà, RaiRadio2, TgCom24, Radio Kiss Kiss Napoli, Radio Marte, Radio Amore Napoli, Canale 8). Moderatore di convegni e dibattiti pubblici per Provveditorato per le Opere Pubbliche della Campania e Molise, Banca Fideuram – Intesa Sanpaolo, Eurispes. Ha svolto attività di ricerca scientifica di carattere storico-economico. È autore dei saggi pubblicati su Meridione, Sud e Nord del Mondo: "La ristrutturazione industriale negli anni ’70 del Novecento. I salvataggi Gepi di imprese campane" (Esi, 2013), "Espansione e sviluppo dell’industria aerospaziale campana negli anni ’70 del Novecento" (Esi, 2013), e "Pensiero meridiano e politiche europee per il Mediterraneo" (Esi, 2010).
Cantiere stradale abusivo e pericoloso sequestrato nel Casertano: è il terzo in un mese
Cantiere stradale abusivo e pericoloso sequestrato nel Casertano: è il terzo in un mese
Al via le consegne a domicilio con i droni in Texas
Al via le consegne a domicilio con i droni in Texas
0 di askanews
Tavolini per bar, pizzerie e ristoranti, un'altra proroga. A Napoli la situazione è già fuori controllo
Tavolini per bar, pizzerie e ristoranti, un'altra proroga. A Napoli la situazione è già fuori controllo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni