A nemmeno 24 ore dalla tragedia di via Duomo, in cui è morto un commerciante, travolto da grossi calcinacci, sfiorato l'incidente al Vomero, sulla via Cimarosa: "È caduto un albero in una delle strade più trafficate del quartiere nei pressi dell'ingresso della villa Floridiana" denuncia Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del Comitato Valori collinari. "La mente è corsa subito alla tragedia che l'intera città visse il 10 giugno 2013, esattamente sei anni fa, quando la caduta di un grosso pino in via Aniello Falcone, sempre al Vomero, causò la morte di una donna, che si trovava in quel momento in transito con la propria autovettura. Una tragedia che è ancora viva nella mente e nel cuore di tutti noi per quell'assurda morte".

"Purtroppo, in tema di sicurezza, vivere a Napoli diventa ogni giorno più difficile – sottolinea Capodanno – I napoletani dovrebbero infatti essere affetti tutti da un forte strabismo, così con un occhio potrebbero guardare dove mettono i piedi, evitando le buche e gli avvallamenti presenti su marciapiedi e carreggiate, e con un altro potrebbero osservare gli oggetti che possono cadere dall’alto, a partire da pezzi di cornicione o d'intonaco, per finire ad alberi, lampioni, canestri e, perché no, anche vasi da fiori ".

"Per quanto riguarda le alberature stradali – puntualizza Capodanno -, al Vomero si paga lo scotto della mancata potatura, più volte richiesta ma mai attuata. Inoltre molti degli antichi platani del quartiere, affetti da diverse patologie, tra le quali il cancro colorato, attaccati da insetti, come la famigerata "cimice del platano", un insetto della famiglia delle tingidi, il cui nome scientifico è Corythucha ciliata  risultano fortemente indeboliti, con la possibilità di poter cadere da un momento all'altro all'improvviso, come è appunto accaduto oggi in via Cimarosa".