3 Maggio 2019
11:34

Camorra, Ciro Grassia del clan Rinaldi preso ad Acerra: “tradito” dai viaggi della moglie

Ciro Grassia, ricercato da 5 mesi e ritenuto legato al clan Rinaldi di San Giovanni a Teduccio, è stato arrestato dai carabinieri ad Acerra, nei pressi di un negozio di ottica: i militari sono arrivati a lui seguendo la moglie, che lo aveva raggiunto per fare insieme la spesa di provviste da portare nel covo dove si nascondeva.
A cura di Nico Falco

Lo cercavano da cinque mesi, da dicembre 2018, deve espiare 5 anni per estorsione con l'aggravante del metodo mafioso. Ma Ciro Grassia, 55 anni, ritenuto legato al clan Rinaldi della camorra di San Giovanni a Teduccio, era scomparso nel nulla. Aveva lasciato il quartiere, aveva troncato i rapporti con familiari e amici, si era volatilizzato. I carabinieri della sezione Catturandi, però, non avevano mollato la presa e alla fine sono arrivati a lui seguendo quell'unico filo che lo collegava ancora alla sua vecchia vita: la moglie. L'uomo è stato bloccato davanti a un negozio di ottica di Acerra, al termine di un lungo pedinamento tra la periferia est e la provincia di Napoli. Che Grassia fosse rimasto nelle vicinanze, era certo. Restava da capire da chi fosse composta la sua rete di fiancheggiatori, chi gli procurasse soldi e cibo e lo aiutasse negli spostamenti. Così i militari hanno individuato la moglie e hanno cominciato a seguire i suoi spostamenti. La donna aveva preso a noleggio una vettura, nel tentativo di passare inosservata, e si era spostata da San Giovanni a Teduccio verso Acerra, senza accorgersi dei carabinieri che la seguivano a distanza di sicurezza. I militari l'hanno vista entrare in un supermercato, dove c'era anche Grassia. Erano lì per acquistare le provviste da portare nel rifugio. Sarebbe stato rischioso bloccarlo in quel posto: c'erano molti clienti, il rischio che la situazione degenerasse era troppo alto. Hanno così atteso il momento giusto, aspettando che i due uscissero e fossero da soli.

La coppia è andata in un vicino negozio di ottica, dove ha acquistato degli occhiali da lettura e all'uscita, quando intorno non c'era nessuno, Grassia si è trovato davanti i carabinieri. Nessuna speranza di fuga, si è lasciato ammanettare e ha seguito i carabinieri in carcere. Ora le indagini mirano ad accertare l'identità degli altri complici che lo hanno aiutato.

A San Giovanni a Teduccio è in corso da mesi una violenta faida che vede contrapposti il clan Rinaldi e quello dei Mazzarella per il controllo dell'illecito e in particolare per l'egemonia sui traffici di droga. In questo contesto si inserirebbe l'omicidio di Luigi Mignano, imparentato con personaggi dei Rinaldi e anche lui ritenuto vicino al gruppo camorristico, ucciso il 9 aprile scorso mentre accompagnava a scuola il nipotino.

Pioggia di proiettili sul gruppo di giovani per punire 16enne, preso 19enne ad Acerra
Pioggia di proiettili sul gruppo di giovani per punire 16enne, preso 19enne ad Acerra
La nuova mappa della camorra: Napoli divisa fra clan Mazzarella e Alleanza di Secondigliano
La nuova mappa della camorra: Napoli divisa fra clan Mazzarella e Alleanza di Secondigliano
A Cavalleggeri salta la tregua tra i clan: l'incendio del bar dopo le stese di camorra
A Cavalleggeri salta la tregua tra i clan: l'incendio del bar dopo le stese di camorra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni