Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
24 Ottobre 2019
18:03

Chiude lo stabilimento Whirlpool di Napoli, operai in piazza contro i licenziamenti

Gli operai dello stabilimento Whirlpool di Napoli di nuovo in piazza per protestare contro la chiusura dello stabilimento di San Giovanni a Teduccio, prevista per il 1° novembre, cui seguirà la procedura di licenziamento per gli oltre 400 operai. Venerdì 25 ottobre incontro con le forze sociali a Castel dell’Ovo.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

Proseguono le proteste degli operai della Whirlpool di Napoli, ancora in piazza contro la chiusura della fabbrica di via Argine, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. La chiusura è prevista per il 1° novembre, poi inizieranno le procedure di licenziamento per gli oltre quattrocento dipendenti. Ma gli operai proseguono in tutti i modi la loro protesta, continuando a manifestare ovunque e chiedendo un intervento energico da parte della classe politica.

La manifestazione di oggi è partita da piazza Municipio, non lontano da Palazzo San Giacomo sede del Comune di Napoli, ed ha attraversato tutta la città prima di arrivare al Porto. Come sempre, la manifestazione è stata scandita da striscioni e slogan di protesta contro la decisione dell'azienda statunitense di chiudere lo storico stabilimento del quartiere di San Giovanni a Teduccio. Già nei giorni scorsi le loro manifestazioni erano arrivate in vari punti della città: dall'aeroporto internazionale di Napoli-Capodichino, dove avevano chiesto anche ai viaggiatori di aderire alla loro causa, alla Galleria Umberto I. E per domani, venerdì 25 ottobre, è previsto un ulteriore sit-in dei lavoratori, che raggiungeranno Castel dell'Ovo per incontrare le forze sociali partenopee.

Finora, la classe politica partenopee ha risposto alle loro manifestazioni in maniera diversa: il sindaco di Napoli Luigi De Magistris aveva parlato della creazione di un "centro produzione collettiva di lavatrici tutto italiano" per salvaguardare il lavoro degli operai; il governatore della Campania Vincenzo De Luca aveva detto che la Regione sarebbe pronta a mettere a disposizione 20 milioni di euro per trovare una soluzione per evitare la chiusura dello stabilimento napoletano. Risposte che finora, però, non hanno prodotto nulla di concreto.

Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni