Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
24 Ottobre 2019
18:03

Chiude lo stabilimento Whirlpool di Napoli, operai in piazza contro i licenziamenti

Gli operai dello stabilimento Whirlpool di Napoli di nuovo in piazza per protestare contro la chiusura dello stabilimento di San Giovanni a Teduccio, prevista per il 1° novembre, cui seguirà la procedura di licenziamento per gli oltre 400 operai. Venerdì 25 ottobre incontro con le forze sociali a Castel dell’Ovo.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

Proseguono le proteste degli operai della Whirlpool di Napoli, ancora in piazza contro la chiusura della fabbrica di via Argine, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. La chiusura è prevista per il 1° novembre, poi inizieranno le procedure di licenziamento per gli oltre quattrocento dipendenti. Ma gli operai proseguono in tutti i modi la loro protesta, continuando a manifestare ovunque e chiedendo un intervento energico da parte della classe politica.

La manifestazione di oggi è partita da piazza Municipio, non lontano da Palazzo San Giacomo sede del Comune di Napoli, ed ha attraversato tutta la città prima di arrivare al Porto. Come sempre, la manifestazione è stata scandita da striscioni e slogan di protesta contro la decisione dell'azienda statunitense di chiudere lo storico stabilimento del quartiere di San Giovanni a Teduccio. Già nei giorni scorsi le loro manifestazioni erano arrivate in vari punti della città: dall'aeroporto internazionale di Napoli-Capodichino, dove avevano chiesto anche ai viaggiatori di aderire alla loro causa, alla Galleria Umberto I. E per domani, venerdì 25 ottobre, è previsto un ulteriore sit-in dei lavoratori, che raggiungeranno Castel dell'Ovo per incontrare le forze sociali partenopee.

Finora, la classe politica partenopee ha risposto alle loro manifestazioni in maniera diversa: il sindaco di Napoli Luigi De Magistris aveva parlato della creazione di un "centro produzione collettiva di lavatrici tutto italiano" per salvaguardare il lavoro degli operai; il governatore della Campania Vincenzo De Luca aveva detto che la Regione sarebbe pronta a mettere a disposizione 20 milioni di euro per trovare una soluzione per evitare la chiusura dello stabilimento napoletano. Risposte che finora, però, non hanno prodotto nulla di concreto.

Whirlpool Napoli, ex operai crocifissi in piazza Plebiscito davanti alla Prefettura
Whirlpool Napoli, ex operai crocifissi in piazza Plebiscito davanti alla Prefettura
Whirlpool Napoli, operaia licenziata si laurea e dedica la tesi alle colleghe senza più lavoro
Whirlpool Napoli, operaia licenziata si laurea e dedica la tesi alle colleghe senza più lavoro
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni