La Tangenziale di Napoli sarà gratuita fino al 5 novembre, per circa 10 giorni complessivamente, ma 184 dipendenti, poco meno della metà, andranno in cassa integrazione fino a fine gennaio. La comunicazione è arrivata ai sindacati ieri, 25 ottobre, nella lettera inviata dalla società si parla di "necessità urgente", "causata da un evento transitorio non imputabile all'impresa e oggettivamente non evitabile". Intanto, i lavori proseguiranno fino al 31 dicembre; per il momento si procede su due corsie nel tratto interessato e il passaggio è interdetto ai mezzi con massa superiore alle 7,5 tonnellate.

Dipendenti della Tangenziale in cassa integrazione

Nel documento di Tangenziale di Napoli Spa si legge che, a partire da lunedì prossimo, 28 ottobre, partirà la cassa integrazione per 184 dipendenti su un totale di 324: saranno "sospesi a zero ore settimanali", "per la durata prevedibile di 13 settimane", quindi orientativamente fino al 27 gennaio, dopo il completamento dei lavori. Non si fa riferimento esplicito ai 10 giorni in cui non si pagherà il pedaggio, ma l'accostamento è inevitabile. "Sembra incredibile ma è tutto vero – commenta Nino Simeone, presidente della Commissione Mobilità del Comune di Napoli – dopo 40 anni la Tangenziale di Napoli sarà gratuita per soli 10 giorni e per questo motivo la società chiede la cassa integrazione per 184 suoi lavoratori incolpevoli e sempre a spese della collettività".

"La notizia ci lascia sbalorditi – aggiunge il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris – e questo per eventi transitori e non imputabili alla società? Cioè le conseguenze dei lavori sul viadotto, necessari per assicurare la programmabile manutenzione dell’asse viario cittadino, unico in Italia a pagamento da 40 anni, ricadono sui lavoratori? Oltre che sulle migliaia di cittadini costretti da giorni a file estenuanti sulla Tangenziale? Davvero non ci sono parole per l’atteggiamento della società Tangenziale che fa pagare ad altri le colpe per una mancata programmazione dei lavori. Intollerabile!".

Tangenziale gratis per la durata dei lavori

La Tangenziale di Napoli è gratis dal 26 ottobre e lo sarà fino al 5 novembre compreso; non pagheranno nemmeno i possessori di Telepass, i varchi sono disattivati. Il provvedimento è stato disposto su invito del ministero delle Infrastrutture e Trasporti. I lavori al cavalcavia di Capodichino, che hanno portato la carreggiata da tre a due corsie, causando pesanti rallentamenti e code, dovrebbero protrarsi fino al 31 dicembre ma, ha fatto sapere Tangenziale Spa, potrebbero anche concludersi prima; per il momento la circolazione andrà avanti su due corsie in entrambi i sensi di marcia ed è stato vietato il passaggio ai mezzi con massa superiore alle 7,5 tonnellate.