Le chiazze rosse – secondo le foto e video denunce che a decine compaiono in queste ore su Facebook – sarebbero comparse in tutto il corpo, le bolle sanguinolente sui polpastrelli e sulle dita dei piedi. Insomma, all'improvviso è scoppiato il panico al Pareo Park di Giugliano, dove oggi domenica 23 giugno nel giorno dell'inaugurazione della stagione estiva 2019 del parco acquatico, i genitori  si sono accorti con terrore delle lesioni sulla pelle dei loro bambini che poco prima si trovavano nelle piscine della struttura ricreativa della provincia di Napoli.

L'allarme è scattato intorno alle 14.30, quando alcune madri hanno chiamato i bagnini per segnalare le bolle; la psicosi si è diffusa e anche altre famiglie hanno chiesto l'intervento delle ambulanze. Inevitabilmente la rabbia si è riversata sui social network dove molti hanno denunciato il fatto raccontando la loro disavventura. «Caos al Pareo Park le infezioni prese nelle piscine….. Tutti i bambini con i piedi insanguinati e pieni di bolle e per di più nessun responsabile presente  Cose allucinanti» è solo uno degli innumerevoli commenti.

Bolle e chiazze, caos al Pareo Park

A Giugliano sono giunte anche due volanti della Polizia di Stato, allertate pare dallo stesso personale della struttura. Alcuni testimoni hanno raccontato che all'improvviso il colore delle acque delle piscine è diventato verde. Se così fosse si potrebbe ipotizzare la presenza di qualche sostanza urticante, ma è tutto ancora da accertare. Molti bimbi sono stati trasportati in ospedale, divisi tra il San Giuliano, La Schiana di Pozzuoli e il Santobono-Pausilipon di Napoli. Le piscine sono state chiuse in via cautelativa, mentre non è ancora chiaro il motivo delle bolle. Fonti della direzione del parco acquatico del Giuglianese, interpellate telefonicamente da Fanpage.it riferiscono che «l'acqua non è contaminata». A quanto appreso successivamente, all'ospedale La Schiana di Pozzuoli sono giunte nel pomeriggio, accompagnati dai genitori «10/15 bambini arrivati dal Pareo Park per una leggera reazione cutanea ai piedini e alle mani». Alla fine gli ustionati erano circa 150 in tutto (i medici l'hanno definito ‘rash cutaneo').

"L'acqua era pulita", la replica della direzione

La direzione del parco ha replicato con una diretta su Facebook (video rimosso poco dopo) in seguito alle numerose segnalazioni degli utenti, che si sono riversati anche sui social del parco acquatico pubblicando le fotografie dei piedi dei loro bambini in cui si vedono le lesioni. "Hanno messo voci in giro totalmente fasulle – dicono – c'è ancora gente che prende il sole. La polizia è intervenuta solo per calmare le 20 persone che volevano mettere in giro queste voci. Tra poco pubblicheremo anche le foto delle analisi dell'acqua, fatte davanti alla polizia, per dimostrare che non c'era assolutamente nulla nell'acqua". Fonti ospedaliere hanno riferito a Fanpage.it che le lesioni riscontrate sui piedi e sui palmi dei bambini non necessitano di intervento d'urgenza al Pronto Soccorso.

Il video di Pareo Park rimosso da Facebook
in foto: Il video di Pareo Park rimosso da Facebook

Pareo Park è l'ex Magic World

Il Pareo Park è l'ex parco acquatico Magic World, rinato dopo un periodo di chiusura.  È considerato "il parco acquatico più grande del Sud Italia", occupa secondo i numeri dell'azienda 200 addetti.  All'inaugurazione nel luglio 2017 presero parte fra gli altri il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e Giulio Rapetti Mogol, direttore artistico del futuro Palazzetto della Musica. L'azienda che gestisce la struttura è la Partenope Investment srl Pareo Park.