Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durante la Cerimonia di apertura che si è tenuta ieri allo stadio San Paolo, ha dato ufficialmente il via alle Universiadi 2019 di Napoli, i Giochi Olimpici dedicati agli studenti universitari, giunti alla 30esima edizione. Nonostante la presenza di moltissime autorità tra i 30mila spettatori sugli spalti, e il massiccio dispiegamento di forze dell'ordine sia dentro che fuori lo stadio, non sono mancati però i venditori ambulanti abusivi, come documentato da Fanpage.it, che cercavano di vendere agli spettatori venuti per assistere all'inaugurazione sciarpe e magliette false dell'evento. "C'è la Finanza tutto intorno. Ci hanno cacciati ma siamo tornati" ammette uno dei venditori abusivi all'esterno dello stadio. Il dispiegamento di forze in campo, dunque, non è riuscito a porre un freno al fenomeno.

La Cerimonia di apertura delle Universiadi

Intanto, all'interno del San Paolo, si è tenuta la grande festa che ha dato il via alla manifestazione. Gli atleti delle delegazioni sportive, circa 6mila, hanno sfilato sul terreno di gioco, tra esibizioni musicali e coreografie. Momenti di tensione al passaggio di francesi e tedeschi, fischiati dal pubblico, così come gli interventi del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Il calciatore del Napoli Lorenzo Insigne ha acceso il braciere olimpico, calciando un pallone infuocato, mentre ha chiuso la cerimonia l'esibizione del tenore Andrea Bocelli.