Domani, lunedì 29 giugno, alle ore 12 Armando Cesaro, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale, recordman di preferenze in Campania e figlio del più noto Luigi Cesaro, senatore di stretta fede berlusconiana, ha annunciato una conferenza stampa insieme al senatore Domenico De Siano, coordinatore regionale Fi in Campania.

Le voci già corrono all'impazzata: Cesaro jr. potrebbe annunciare la clamorosa decisione, ovvero quella di non candidarsi alle prossime Elezioni Regionali in Campania.  Una scelta che si renderebbe necessaria dopo la vicenda giudiziaria di Sant'Antimo, l'inchiesta su camorra e politica che coinvolge praticamente tutta la famiglia di Armando Cesaro, dal padre senatore agli zii, i patron di importanti centri diagnostici.

Alla luce delle inchieste giudiziarie, il ruolo di questa famiglia, grande portatrice di voti al centrodestra di Napoli, è stato di recente messo in discussione da Matteo Salvini che ha più volte ribadito il sì alla candidatura a governatore di Stefano Caldoro a patto di liste senza i Cesaro. Cosa accadrà? Staremo a vedere tra poche ore.

Se Cesaro dovesse dare forfait, Forza Italia dopo aver perso Patriciello e Beneduce (passati con De Luca) vedrebbe crollare sicuramente i suoi consensi nel Napoletano. A chi finirebbero quei voti? In parte a De Luca, l'uomo del momento e in parte confluirebbero proprio ai salviniani. L'ex vicepremier, del resto, ha una strategia: confermare la Lega primo partito in Campania e poi passare all'incasso sul candidato a sindaco di Napoli nel 2021.

Domani 29 giugno Salvini sarà in regione ma non a Napoli, farà il suo tour nel Casertano: a Santa Maria Capua Vetere, Castel Volturno e soprattutto a Mondragone, dove infiamma lo scontro sulle zone rosse dei contagi da Coronavirus.