1.012 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
19 Aprile 2020
17:07

Chi si rivede: De Magistris. Che diceva: “Panico eccessivo, avremo più suicidi che malati Covid”

A fine febbraio De Magistris parlava del Coronavirus come di una “evoluzione dell’influenza” su cui si era fatto troppo panico. Oggi tutti sappiamo che la verità è purtroppo un’altra. Ma anziché scusarsi di quell’eccesso perché il sindaco di Napoli continua, sfidando ogni giorno la Regione Campania, come ad esempio sulle riaperture di pizzerie, pub e bar?
A cura di Ciro Pellegrino
1.012 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Temendo probabilmente di finire nella prossima puntata di "Chi l'ha visto", il sindaco di Napoli Luigi De Magistris da 4-5 giorni sta rilasciando interviste a raffica, alzando la manopola del rumore politico-istituzionale sul Coronavirus . Questa decisione ci fornisce due elementi: il primo è che la Grande Paura del contagio è passata (altrimenti Dema sarebbe rimasto, come gran parte della politica napoletana, in silenzio, attendendo il passaggio della bufera). Il secondo dato che si desume dall'iperattivismo mediatico del sindaco partenopeo è che si risente odore della campagna elettorale per le Elezioni Regionali 2020.  Facciamo tuttavia un passo indietro: è il 27 febbraio 2020. Fino a pochi giorni prima il virus Sars-CoV2 era al massimo un servizio di telegiornale con immagini da Wuhan, in Cina. In quei giorni iniziano a moltiplicarsi le notizie di contagiati al Nord Italia. Prima il Lodigiano, in Lombardia, poi l'area Bergamasca. Poi nel Veneto e in Piemonte.  La paura c'è ma c'è anche il sole: tanta gente vive la sua vita senza preoccuparsene. E non se ne preoccupa nemmeno Luigi De Magistris. La pandemia sarà dichiarata solo l'11 marzo 2020 il lockdown agli inizi di marzo paralizzerà l'Italia. E così il sindaco di Napoli, durante una delle ultime conferenze stampa pubbliche, dichiara placidamente: «C'è (per il Coronavirus ndr.) un panico spropositato. Tra breve conteremo centinaia di migliaia di disoccupati, un crollo verticale dell'economia, una macelleria sociale e probabilmente più morti di suicidio che di Coronavirus». Per carità, del senno di poi son piene le fosse, ma altre fosse stavolta si sono riempite davvero, di cadaveri.  E nessuno ha mai sentito De Magistris scusarsi per quell'atteggiamento eccessivamente rilassato.

Oggi il secondo grande errore: sappiamo cos'è il Covid, sappiamo anche che i contagi in Campania scendono.  Siamo al secondo mese di quarantena. Perché andare di domenica tv, in un teatrino stucchevole con Mara Venier e il pizzaiuolo Gino Sorbillo a chiedere l'immediata riapertura di parte delle attività?  Al Fatto Quotidiano oggi De Magistris ha dichiarato:

Le ordinanze che abbiamo dovuto subire in Campania sfiorano il sadismo istituzionale. Vietare la consegna del cibo a domicilio è controproducente sia dal punto di vista sanitario che dal punto di vista economico. È una misura punitiva e senza senso.

E ancora: «Questo virus è come la livella di Totò, ci mette tutti sullo stesso piano». Il piano politico è chiaro: contrapporsi all'altro attore della politica partenopea, quel Vincenzo De Luca che ha oggi il massimo della visibilità e dell'operatività in Campania sul caso Covid. Siamo al 19 aprile, entro il 4 maggio probabilmente riapriranno molte attività: che senso ha l'ammuina odierna, specialmente se contrapposta col silenzio delle ultime settimane?  Non è vero che siamo tutti sullo stesso piano: chi è più povero e più malato rischia la morte col Coronavirus e a questa gente non interessa nulla ordinare la pizza a domicilio. Servirebbero più che altro le spese di solidarietà: ma che pasticcio sta combinando il Comune di Napoli con Napoli Servizi alla Mostra d'Oltremare?

Una valida sintesi è quella di Graziella Pagano, politico di lungo corso con un passato nel Pci, nei Ds e nel Pd, oggi in Italia Viva: «Il sindaco è abituato a fare molto fumo con la manovella e ha dimostrato, più volte, che le sue delibere fanno spesso e volentieri acqua da tutte le parti. Siamo tutti d’accordo che, se nei prossimi 5 giorni, dovesse confermarsi il trend ottimo dell'ultimo periodo (% fra tamponi e positivi) la Campania potrà iniziare a sbloccare qualche attività, anche quella dell’asporto. Ma non si possono fare pasticci e la questione va regolamentata in modo rigoroso. Anche perché non mi pare che Milano, città che consente delivery, sia un esempio da seguire in questo senso».

1.012 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
28391 contenuti su questa storia
Due amiche no vax muoiono di Covid a distanza di pochi giorni all'ospedale Cotugno di Napoli
Due amiche no vax muoiono di Covid a distanza di pochi giorni all'ospedale Cotugno di Napoli
Il primario del pronto soccorso di Pesaro contro i no-vax: “Avrete le mie cure, ma mi fate schifo”
Il primario del pronto soccorso di Pesaro contro i no-vax: “Avrete le mie cure, ma mi fate schifo”
Burioni spiega quanto durerà l'immunità dopo la terza dose di vaccino Covid
Burioni spiega quanto durerà l'immunità dopo la terza dose di vaccino Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni