Da oggi, 22 giugno 2020, non c'è più l'obbligo in Campania di indossare le mascherine anti-Covid19 in strada, ma molti stanno continuando comunque a farlo. A Napoli, per esempio, in via Toledo, tantissime persone questa mattina indossavano ancora la mascherina protettiva. Non solo anziani, una fascia sensibile per il rischio Coronavirus, ma anche tanti giovani e ragazzi. Tante persone, quindi, continuano a sentirsi più protette indossando la mascherina anche se non c'è più l'obbligo in strada – che resta invece per i luoghi chiusi e all'aperto in caso di assembramenti. Il governatore Vincenzo De Luca aveva annunciato la revoca dell'obbligo di mascherina in luoghi pubblici da metà mese già il 5 giugno scorso, in virtù dei dati favorevoli dell'andamento dell'epidemia in Campania, condizionando la decisione ad un check sui dati del contagio al 15 giugno. Il trend favorevole, con contagi zero per diversi giorni, nelle ultime settimane, ha confermato la decisione del presidente della giunta regionale. Qualche dubbio che ci potesse essere uno slittamento c'era stato per la città di Napoli, dopo la megafesta in strada dei tifosi azzurri di mercoledì scorso, per la vittoria del club partenopeo in Coppa Italia, con tanto di assembramenti con migliaia di persone in piazza Trieste e Trento, ma il parere della task force del Coronavirus è andato nella direzione di una riapertura, proprio a conferma dei dati favorevoli sull'abbassamento dei contagi.

In Campania la mascherina è obbligatoria dal 4 maggio

In Campania l'obbligo di indossare la mascherina è in vigore dal 4 maggio scorso, quando è partita la Fase 2 del Coronavirus. Decisione sancita dall'ordinanza 41 del 1 maggio, prorogata poi di volta in volta, che prevedeva l'“obbligo di utilizzo delle mascherine nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, all’aperto e al chiuso su tutto il territorio regionale”. Con l'ordinanza 48 del 17 maggio l'obbligo di indossare la mascherina è stato prorogato “fino al 31 luglio 2020, fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza dell’evoluzione della situazione epidemiologica, su tutto il territorio regionale”. Alla luce dei nuovi dati sui contagi zero, però, l'obbligo potrebbe essere revocato dalla metà del mese di giugno.

L'epidemiologo D'Argenzio: “Continuate a usare le mascherine”

L'epidemiologo Angelo D'Argenzio, dell'Unità di Crisi anti-Covid19 della Regione Campania a Fanpage.it ha chiarito che anche se non c'è più l'obbligo di indossare la mascherina in strada, è comunque preferibile continuare a portarla, mantenere il distanziamento sociale ed evitare gli assembramenti. "Il mio invito – ha detto l'epidemiologo – è a continuare ad usare i mezzi di provata efficacia, se si vuole uscire, anche se non ci sarà più l'obbligo. Solo quando in Campania avremo contagi zero per due settimane consecutive potremo cominciare ad entrare in una fase nuova, ma sempre con cautela. Perché i casi nel mondo ci sono e quindi basta che una persona si sposti e non usi queste precauzioni e siamo punto e a capo. Questa situazione proseguirà fino a quando non avremo un vaccino. Fino ad allora dobbiamo continuare a modificare i nostri comportamenti in virtù del rischio potenziale, anche se minimo. Il Covid19 ha dimostrato di avere un indice di contagio molto elevato e quindi in poco tempo è capace di una grave diffusione. Per questo dobbiamo essere sempre attenti”.