Si lavorerà tutta la notte per rimuovere i convogli rimasti coinvolti questa mattina nell'incidente occorso alla stazione di Piscinola della Linea 1 della metropolitana di Napoli, dove tre treni si sono scontrati sui binari, provocando il ferimento di 16 persone. Anm, la società che gestisce la tratta, si è vista così costretta ad interrompere la circolazione ferroviaria su tutta la Linea 1. Nel pomeriggio, la Procura ha disposto il dissequestro dei convogli e autorizzato la rimozione, che è già nel vivo: si procederà come detto tutta la notte per consentire di ripristinare parzialmente la circolazione già a partire dalla giornata di domani, mercoledì 15 gennaio. Si sta valutando se ripristinare la circolazione sulla tratta Colli Aminei-Garibaldi, con una navetta per coprire la tratta che porta a Piscinola, Scampia e Chiaiano, oppure se far circolare i treni sulla tratta Dante-Garibaldi. Si spera di recuperare uno dei tre convogli, quello meno coinvolto nell'incidente, mentre quelli direttamente interessati, soprattutto uno, hanno subito danni consistenti.

Come detto, la Procura ha disposto il dissequestro dei treni incidentati, ma prosegue con l'inchiesta per capire l'esatta dinamica di quanto accaduto e attribuire eventuali responsabilità. Sono stati ascoltati i testimoni, acquisiti elementi tecnici e gli atti delle manutenzioni, nonché le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza, che potrebbero fornire ulteriori dettagli sulla dinamica dell'incidente: si potrebbe configurare anche l'ipotesi di reato di disastro colposo. Sia il Comune di Napoli che Anm, società partecipata dell'amministrazione comunale, stanno collaborando attivamente nelle indagini.