L'Anm rifà i binari e gli scambi della metropolitana Linea 1 sul tratto interessato dall'incidente del 14 gennaio 2020 tra Piscinola e Colli Aminei. Lavori per circa un mese, che saranno eseguiti di notte, fino alle 5 del mattino, per limitare i disagi all'utenza, e che serviranno a riallineare tutte le rotaie e rinfoltire il pietrisco, per circa 6 chilometri. Si tratta di lavori necessari per la sicurezza della linea. Saranno utilizzate delle macchine speciali, livellatrici, allineatrici e rincalzatrici, in grado di raddrizzare i binari. I difetti di sghembo o di livello, infatti, possono mettere in pericolo il normale funzionamento del metrò. E possono essere anche causa di rallentamenti o sbarramenti della linea. I macchinari che dovranno entrare in azione sulla Linea 1, peraltro, dovranno essere in grado anche di affrontare le pendenze particolarmente elevate, anche del 40 per cento, presenti sulla linea metropolitana.

Rifatti anche tutti gli scambi e le piste freni tra Piscinola e Colli Aminei

L'azienda napoletana dei trasporti, di proprietà del Comune di Napoli, ha già lanciato la manifestazione di interesse per reclutare le ditte, che avranno tempo fino al 6 marzo per presentare le candidature. L'importo dei lavori è di 150mila euro. In dettaglio, si tratta di una indagine esplorativa per affidare un appalto per lavori di “livellamento e rincalzatura dei binari della Linea 1, con ricarico di pietrisco e profilatura della massicciata dei binari della tratta Piscinola-Colli Aminei e del deposito della Linea 1 della metropolitana di Napoli”. Nello specifico, si interverrà sul doppio binario tra Piscinola e Colli Aminei, per 4,5 chilometri, e sulle rampe di accesso al deposito di Piscinola, per altri 1,1 chilometri. Saranno messe e a punto anche le aste per la prova dei freni, sempre verso il deposito. Quindi, saranno rivisti tutti gli scambi: di Piscinola, del piazzale della Stazione di Colli Aminei, del piazzale delle rampe di accesso al deposito di Piscinola. “Le attività di livellamento e rincalzatura – specifica l'Anm nell'avviso – dovranno essere eseguite esclusivamente con mezzi rincalzatori di tipo pesante agenti a vibro-compressione, dotati di dispositivi autolivellanti e auto allineanti in grado di affrontare pendenze di linea del 40% su entrambi i sensi di marcia”.

Lavori di notte per non intralciare la circolazione

Per ridurre al minimo i disagi all'utenza, i lavori saranno eseguiti di notte, dalle ore 24 alle 5 del mattino, quando poi i treni escono dal deposito per effettuare le prime corse di prova, prima di entrare in servizio effettivo attorno alle 6. L'obiettivo è quello di chiudere i lavori nel più breve tempo possibile, in modo da bruciare i tempi. Dopo l'incidente del 14 gennaio, infatti, che ha coinvolto tre convogli della Linea 1, sono stati tanti i disagi patiti dai viaggiatori, che hanno dovuto fare prima i conti con l'interruzione del servizio tra Piscinola e Colli Aminei, una tratta fondamentale soprattutto per i pendolari dell'area Nord, poi ripresa, dopo il dissequestro della magistratura, all'inizio di febbraio, e poi con diverse interruzioni o limitazioni della Linea per guasto improvviso.