976 CONDIVISIONI
Opinioni
3 Novembre 2018
17:33

Napoli, donna reagisce contro un razzista. Ma perché tutti gli altri stanno zitti?

Guardando il video della donna che reagisce agli insulti xenofobi in treno mettendo KO un giovane razzista che inveiva contro i pakistani chiunque di noi si è chiesto: se fossi stato lì cosa avrei fatto? Sarei stato zitto a guardare come molti in quel vagone della Circumvesuviana hanno fatto oppure sarei intervenuto aiutando la signora?
976 CONDIVISIONI

Ho contato almeno 10 persone nel vagone della Circumvesuviana di Napoli in cui – ignari di essere ripresi dalla telecamera di uno smartphone – un ragazzo dagli atteggiamenti chiaramente xenofobi tendenti al razzismo, inveisce contro un gruppo di pakistani, a sua volta difesi con veemenza da una donna napoletana, Maria Rosaria Coppola, professione sarta e costumista alla Rai di Napoli, che alla fine ha – dialetticamente – la meglio, costringendo al silenzio lo stupido giovane. Dieci persone che guardano la scena, il battibecco anche con toni pesanti, tra il ragazzo che urla "L'Italia siamo noi!" e la donna che lo apostrofa: "Tu non sei razzista, tu sei stronzo; l'Italia non sei tu".

Come classifichiamo coloro che hanno vistoo e hanno taciuto? Sono ignavi? Sono quelli che nel III canto dell'Inferno Dante trattò peggio dei delinquenti, riservando loro la celebre terzina:

Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa

Sono vigliacchi? È gente che non vuole problemi perché ha paura di reazioni violente? Chiunque di noi abbia visionato il filmato amatoriale girato in Vesuviana è stato (a meno di idee politiche affini con quelle del giovanotto vestito di nero) orgoglioso della civile e al tempo stesso sanguigna e partenopea reazione della donna. Al tempo stesso chiunque di noi si è chiesto : e se fossi stato lì seduto, come avrei reagito? Sarei stato capace di intervenire a difesa degli immigrati e contro il giovane senza ricorrere alla violenza? O sarei stato zitto? 

976 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Minorenni bloccati mentre seguono una donna in scooter a Napoli: avevano dei coltelli
Minorenni bloccati mentre seguono una donna in scooter a Napoli: avevano dei coltelli
Guida contromano sull'Asse Mediano per diversi chilometri sfiorando gli altri automobilisti
Guida contromano sull'Asse Mediano per diversi chilometri sfiorando gli altri automobilisti
Cori razzisti contro Napoli e i napoletani al centro commerciale Euroma 2:
Cori razzisti contro Napoli e i napoletani al centro commerciale Euroma 2: "Vesuvio erutta"
22.614 di Fanpage.it Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni